Canoa velocità, Olimpiadi Rio 2016: capolavoro Tacchini, l’azzurro centra la finale del C1 1000 metri

Carlo-Tacchini-canoa-foto-federazione-fb.jpg

Beniamino Bonomi l’aveva detto “Lui e la canoa sono una cosa sola”. A 21 anni Carlo Tacchini centra la finale del C1 1000 metri grazie a una prova incredibile. Quarto in batteria, l’azzurro viene inserito nella seconda semifinale in cui spiccano il ceco Martin Fuksa, il canadese Mark Oldershaw e l’ungherese Henrik Vasbanyai. Il regolamento è semplice: all’atto conclusivo i primi due classificati più il miglior tempo complessivo. Il poliziotto lo sa bene, ai 250 metri è secondo alle spalle di Fuksa, situazione che si ripete anche a metà gara. I tempi rispetto alla prima semifinale tuttavia sono nettamente più lenti, per passare il turno bisogna chiudere nei primi due posti. Ai 750 metri Oldershaw scavalca l’azzurro che tuttavia non molla di un centimetro mettendosi nuovamente alle spalle il bronzo olimpico di Londra 2012, preceduto sul traguardo anche dal magiaro Vasbanyai. Tacchini esulta, il suo capolavoro permette al movimento italiano di ritornare in finale 56 anni dopo il leggendario C2 1000 di Aldo Dezi e Francesco La Macchia. 

RANK
1 CZE
FUKSA Martin
4:01.793 Final A
2 ITA
TACCHINI Carlo
4:02.461 Final A
3 HUN
VASBANYAI Henrik
4:03.113
4 CAN
OLDERSHAW Mark
4:03.493
5 SVK
FARKAS Vincent
4:19.084
6 BUL
KODINOV Angel
4:30.574
7 STP
DA CONCEICAO TRISTE Buly
4:46.396
8 MOZ
CHAMAUNE Mussa
5:07.281

L’intervista a Carlo Tacchini

Il capolavoro di Duisburg

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.drago@oasport.it

Lascia un commento

Top