Triathlon, Olimpiadi Rio 2016: i favoriti della gara maschile

Brownlee-e1467032849385.jpg

Spagna VS Gran Bretagna, Triple Alianza VS The Brownlees. La corsa all’oro del triathlon maschile a Rio 2016 è riassumibile in queste antitesi. Da un po’ di anni, infatti, spagnoli e britannici stanno dominando nei Tre Sport ed anche a Londra, quattro anni fa, il podio fu una loro faccenda esclusiva: primo Alistair Brownlee, secondo Javier Gomez, terzo Jonathan Brownlee.

Se non fosse stato per il grave infortunio al braccio che, a poco più di un mese dalla gara olimpica, ha estromesso il fenomenale 33enne iberico (cinque volte iridato e tre volte Campione d’Europa tra i seniores, sulla distanza classica) dai Giochi brasiliani, saremmo stati qui a parlare di possibilità concrete di ritrovare gli stessi uomini sul podio a Cinque Cerchi, dopo oltre 1400 giorni…

Tuttavia, se la Gran Bretagna può sempre contare sui “fratelli terribili” (più il promettente 22enne Gordon Benson), la Spagna ha trovato il degno sostituto di Javi Gomez: SuperMario Mola. 19° a Londra 2012, il 26enne di Palma di Maiorca ha vissuto il triennio 2013-2016 costantemente ai vertici del triathlon mondiale, scendendo dal podio delle massime competizioni internazionali in rarissime occasioni. Mola sbarcherà in Brasile da numero 1 del ranking, per distacco, avendo conquistato quattro delle cinque tappe di World Series a cui ha partecipato; l’unico ad averlo battuto “sul campo” quest’anno è stato il connazionale Fernando Alarza, numero 2 del rank iridato.

Mola, Alarza e Vicente Hernández (il terzo spagnolo a Rio, 14° al mondo) dovranno verosimilmente allearsi in Brasile, dove nelle frazioni di ciclismo e di corsa potrebbero mettere in difficoltà Alistair e Jonny Brownlee i quali, da par loro, hanno dimostrato nelle poche occasioni importanti in cui hanno nuotato-pedalato-corso insieme quest’anno di saper traslare al meglio, in gara, il feeling familiare

Al di fuori dei confini anglo-spagnoli, troviamo pochi nomi candidabili all’ambito trittico oro-argento-bronzo. Andiamo per coppie di nazionalità: i francesi Dorian Coninx-Pierre Le Corre, i sudafricani Richard Murray-Henri Schoeman, gli australiani Aaron Royle-Ryan Bailiei fratelli russi Dmitry e Igor Polyanskiy, sono sicuramente i più quotati inseguitori. Riuscirà il Resto del Mondo ad insidiare Spagna e Gran Bretagna? La risposta, poco prima delle ore 18 (italiane) del 18 agosto 2016. Dalle acque e dall’asfalto di Fort Copacabana, da dove sennò…?!

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giuseppe.urbano@oasport.it

Foto: Facebook

Lascia un commento

Top