Rugby a 7, Olimpiadi Rio 2016, tante le stelle dirottate al seven: da Williams alla star NFL Ebner

NateEbnerNFLLEADS.jpg

Rio 2016 riapre le porte al rugby nella sua variante a 7. Tanta la curiosità e le aspettative che gravitano attorno al seven, in special modo perchè in campo maschile si potranno ammirare tanti protagonisti del mondo del rugby a 15 e non solo.

Il Sudafrica potrà contare sulle prestazioni di Juan de Jongh, parte integrante dei leggendari SpringbocksL’Australia punterà sull’esuberanza di Lewis Holland, nazionale ai Mondiali 2013 di rugby a 13, e sull’esperienza del capitano Ed Jenkins. Tra gli Stati Uniti da segnalare la presenza di Nate Ebner, vincitore del Superbolw nella scorsa NFL (National Football League) con i New England Patriots, mentre l’Argentina schiererà Juan Imhoff, tre quarti ala del Racing Metro 92 che segnò tre mete nella storica vittoria dei Pumas contro il Sudafrica nel Rugby Championship 2015. Importante anche la presenza, con la Gran Bretagna, dello scozzese Mark Bennett, che ha collezionato 16 caps e 30 punti con la compagine della sua nazione tra Sei Nazioni e Mondiali 2015.

Gli occhi degli appassionati saranno però focalizzati in special modo su Sonny Bill Williams, neozelandese due volte campione del mondo nel 15, fenomenale nel rugby a 13, e praticamente un santo patrono di questo sport.

Clicca qui per il programma e gli orari italiani

Foto: NFL Leads

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

ciro.salvini@oasport.it

Lascia un commento

Top