Nuoto, flop antidoping verso Rio 2016: ora manca solo Yulia Efimova

Efimova-Meilutyte-nuoto-foto-fb-fina-dpm.jpg

Il tanto discusso Sun Yang? Ha “pagato” una misteriosa squalifica per doping di soli tre mesi e ci sarà, nonostante la clamorosa rinuncia alla finale mondiale dei 1500 stile libero che il campione cinese non nuota proprio da agosto 2015. La velocista brasiliana Etiene Medeiros? Innocente e assolta: il fenoterolo era contenuto in un semplice farmaco per l’asma. L’olimpionico di Pechino Park Tae-hwan? Per lui il benvenuto dell’ultim’ora: il TAS di Losanna ha cancellato proprio venerdì mattina l’ulteriore stop di tre anni inflittogli dal comitato olimpico della Corea del Sud dopo i 18 mesi di squalifica Fina scontati per positività al testosterone.

A 29 giorni da Rio 2016 non c’è pace per il nuoto mondiale, che sembra riaccogliere con piacere uno per uno tutti i suoi (ex) dopati. All’appello, adesso, manca solo il nome più grosso, quello della russa Yulia Efimova, oro iridato in carica nei 100 rana e già fermata 16 mesi tra il 2013 e il 2015 per steroidi. A marzo la bionda che si allena in California è incappata nell’affaire meldonium, come per altro molte stelle dello sport della Grande Madre, ma a differenza della tennista Maria Sharapova e dei podisti vari è ancora in attesa di un verdetto.

La Fina le ha tolto la sospensione, ma il suo Doping Panel non si è ancora espresso, per lo meno pubblicamente. Di Efimova si sa via social che ha ripreso gli allenamenti per le Olimpiadi e che, pur avendo saltato i Trials, avrebbe comunque un posto grazie all’1’05”70 nuotato a Orlando poco prima del secondo stop. Recentemente è stata infatti inserita nell’elenco dei convocati russi per il Brasile: salvo colpi di scena, dunque, ci sarà.

Ma che credibilità ha, ora, l’antidoping mondiale?

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo del nuoto italiano

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: pagina Facebook Fina/DeepBlueMedia

One thought on “Nuoto, flop antidoping verso Rio 2016: ora manca solo Yulia Efimova”

  1. Gabriele Dente scrive:

    Nessuna. Direi che si stanno mettendo d’impegno per farci passare la voglia e forse ci riusciranno.

Lascia un commento

Top