Golf, Olimpiadi Rio 2016, i favoriti: Stenson e Fowler da battere, Willett e Garcia per il podio, ma attenzione agli outsiders

HenrikStensonTWITTEREURO.jpg

Tutto pronto per il tanto atteso ritorno del golf ai Giochi Olimpici. Rio 2016 abbraccia lo sport che ha vissuto l’ultimo torneo olimpico nel lontano 1904 in quel di St.Louis. L’evento si disputerà sul nuovissimo percorso di Barra de Tijuca, immerso nella splendida riserva di Marapendi. Si sfideranno 60 golfisti nell’arco dei classici 4 round, ma dopo le prime due giornate non vi sarà il fatidico taglio.

L’avvicinamento a Rio, per quanto riguarda il mondo del golf maschile, è stato incredibilmente tormentato. Zika, infortuni ed altre questioni hanno provocato un susseguirsi di clamorosi forfait. I 15 mila spettatori di Barra de Tijuca non ammireranno infatti il numero uno del mondo, ovvero l’australiano Jason Day, l’americano, fresco vincitore degli U.S. Open, Dustin Johnson, il nordirlandese Rory McIlroy, l’americano Jordan Spieth e tanti altri appartenenti alla top 20 del ranking internazionale.

Nonostante ciò la kermesse non perde il suo naturale interesse, anzi l’apertura ad eventuali sorprese rende il torneo decisamente stuzzicante. Partono in prima fila lo svedese Henrik Stenson, trionfatore pochi giorni fa al British Open, e l’americano Rickie Fowler, a caccia di un importante alloro. Leggermente dietro inseriamo lo spagnolo Sergio Garcia e l’inglese Danny Willett. Sempre pericoloso lo statunitense Bubba Watson, mentre il danese Soren Kjeldsen ha dimostrato di avere i colpi giusti per sognare il colpo grosso. Attenzione a possibili sorprese asiatiche come l’esperto thailandese Thongchai Jaidee ed il coreano Jeunghun Wang.

Foto: Official Twitter European Tour

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

ciro.salvini@oasport.it

 

Lascia un commento

Top