Motomondiale: la storia di Brad Binder, il nuovo leader della Moto 3

Brad-Binder-FB.jpg

Brad Binder è il leader della classifica piloti della Moto3. Il giovane centauro sud-africano della Red Bull KTM è salito agli onori della cronaca dopo la sensazionale rimonta dall’ultimo al primo posto ottenuto nel Gran Premio di Jerez lo scorso 24 aprile, e chi lo conosce lo definisce “un predestinato”. Nato in Sudafrica nel 1995, Binder muove i primi passi nel mondo dei motori già all’età di 8 anni partecipando ad alcune gare di Kart. Dopo la parentesi sulle quattro ruote, nel 2005 debutta nel mondo delle moto, dove brucia le tappe vincendo vari titoli nelle categorie nazionali 50, 125 e 150, diventando così il motociclista sud-africano più giovane di sempre ad imporsi in quelle classi.

Forte dei trionfi conquistati nella terra natia, nel 2009 fa il suo esordio a livello internazionale dove prende parte alla MotoGP Rookies Cup, una competizione in cui partecipano promettenti motociclisti dai 13 ai 18 anni provenienti da tutto il mondo. Tale competizione ha lo scopo di individuare i migliori talenti da far ingaggiare alle scuderie della classe 125, come veniva chiamata all’epoca. Nonostante non avesse vinto tale competizione alla quale ha partecipato anche nel 2010 e nel 2011, fa il suo esordio nel Motomondiale in quest’ultimo anno prendendo parte alla seconda metà del Campionato 125 sostituendo Miguel Oliveira nella team Aprilia, senza ottenere punti.

Nel 2012 la 125 viene rinominata Moto3 e Binder passa alla RW Racing, dove chiude la stagione al ventunesimo posto con soli 24 punti conquistati. L’anno seguente si trasferisce al team Ambrogio Racing. Qui guida dapprima una Suter MMX3 e dopo una Mahindra MGP3O, ottenendo un buon quarto posto in Spagna e chiudendo la classifica al tredicesimo posto. Nel 2014 ottiene il suo primo podio in carriera nel GP di Germania, dove si classifica terzo. Lo stesso risultato lo consegue anche in Giappone, concludendo la stagione all’undicesimo posto con 109 punti. Nel 2015 passa alla sua attuale scuderia, la Red Bull Ktm. Qui ottiene un secondo e tre terzi posti finendo la stagione sesto nella generale con 159 punti. L’annata in corso la sta vivendo da leader assoluto: finora è salito sul podio in tutti i cinque Gran Premi disputati, con un secondo posto in Qatar, due terzi nei GP di Argentina e delle Americhe. In Spagna vince la sua prima gara in carriera, ripetendosi in Francia e Italia e guidando la classifica piloti con 127 punti.
A soli 21 anni e con la carriera appena iniziata, questo ragazzo ha tutte le carte in regola per diventare uno dei piloti più forti del presente e del futuro.

Di Andrea Pertile

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

federico.militello@oasport.it

Immagine: pagina FB Brad Binder

Lascia un commento

Top