Giro d’Italia 2016, undicesima tappa: Modena-Asolo. Ulissi ci riprova, finale da colpi di mano

t11_asolo_alt.jpeg

Sarà una tappa con un finale molto interessante quella che si snoderà da Modena ad Asolo, undicesima frazione della 99esima edizione del Giro d’Italia.

Nei primi 200 km troveremo calma piatta, senza alcun Gpm che possa infastidire i velocisti. Ma a pochi chilometri dal termine si sale: un’ascesa breve ma con tratti davvero molto duri.

Il primo ed unico Gran Premio della Montagna è posto a 20 km dal traguardo: si sale sul Forcella Mostaccin, con pendenza al 16% ed una lunghezza di circa 3 km. Breve discesa e poi si torna a salire a 5 km dall’arrivo con una rampa di 1 km attorno al 7% che immette nel centro storico di Asolo e che prevede un tratto in pavé. Segue una veloce discesa su strada larga che termina all’ultimo km.

Lo spazio per provare ad attaccare c’è: difficile che possano muoversi Vincenzo Nibali (Astana) ed Alejandro Valverde (Movistar), i più in forma in salita, ma potrebbe essere anche una rampa di lancio per Diego Ulissi (Lampre), già vincitore di una tappa. Se gli outsiders volessero provare a recuperare secondi persi contro il tempo (Esteban Chaves e Zakarin su tutti), questa potrebbe essere un’occasione.

I precedenti parlano chiaro, ad Asolo c’ è stato un solo arrivo di tappa con Vincenzo Nibali primo sul traguardo. Sarà una coincidenza? Più probabile che qualche finisseur provi la sparata nel finale: in molti si giocheranno il successo, bisognerà attendere il momento giusto per sferrare l’attacco.

 

Foto: Giro d’Italia 2016

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

nicolo.persico@oasport.com

Twitter: @nvpersie7

Facebook: nvpersie7

Lascia un commento

Top