Giro d’Italia 2016, ottava tappa: Foligno-Arezzo. Pericolo sterrato

T08_Arezzo_alt-PRE1-800x531-800x531.jpg

Fine settimana intenso ed importante per il Giro d’Italia 2016. Si parte con l’ottava tappa da Foligno ad Arezzo. 186 km caratterizzati da un lungo tratto pianeggiante che porta ai due GPM di giornata: Scheggia ed Alpe di Poti. Sulle rampe di quest’ultima ascesa, che si affronterà dopo essere transitati una prima volta ad Arezzo, si deciderà la tappa, e molto probabilmente si potrà assistere a qualche colpo di mano da parte dei corridori di alta classifica in quanto il terreno è sterrato. Asperità che misura 6,4 km e che presenta una pendenza media del 6,5 % e punte in doppia cifra che sfiorano il 14. Fondamentale la tecnica discesa in quanto lo scollinamento è previsto a circa 19 km dal traguardo di Arezzo. Picchiata verso la città toscana, ed ultimo km che tende a salire, animato da tratti in ciottolato.

Sarà una tappa dalle probabili molteplici interpretazioni. Tra i favoriti ancora una volta lo scatenato Diego Ulissi. Chance anche per Davide Formolo, ma attenzione anche ad eventuali attacchi dei big, uno su tutti Domenico Pozzovivo, parso in forma sia in quel di Roccaraso che nella frazione calabra. Bisognerà capire quanto la cronometro del Chianti blocchi la voglia di prodursi in azioni ai favoriti, già proiettati con la mente verso la dura sfida contro il tempo di domenica. Di certo la maglia rosa Tom Dumoulin potrebbe provare ad incrementare ulteriormente il proprio vantaggio. E come risponderanno i grandi favoriti della vigilia, Vincenzo Nibali, Alejandro Valverde e Mikel Landa, sin qui in ombra?

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

ciro.salvini@oasport.it

Lascia un commento

Top