Tennis, Coppa Davis 2016: i precedenti tra Italia e Svizzera. Serve invertire il trend

tennis-andreas-seppi-roland-garros-federtennis-tonelli.jpg

La Coppa Davis 2016 aprirà ufficialmente i battenti venerdì 4 marzo, con l’esordio degli azzurri nella cornice dell’Adriatic Arena di Pesaro. L’avversaria degli italiani sarà la Svizzera (priva di Roger Federer e Stan Wawrinka), andiamo dunque ad analizzare i precedenti tra le due rappresentative.

Il primo confronto è datato 11 giugno 1932, con il successo degli azzurri per 3-2. A Montreaux, gli elvetici si sono subito portati avanti, grazie al successo di Hector Fisher su Giovanni Palmieri, per poi subire un incredibile rimonta, caratterizzata dalle vittorie di Giorgio De Stefani e ancora Palmieri su Charles Aeschliman. Il punto della vittoria arrivò dal doppio, mentre Fisher sconfisse De Stefano nell’ultimo match.

Due anni più tardi, gli azzurri si imposero addirittura 5-0 sulla terra di Roma, frutto dei successi di Giorgio De Stefani, Ferruccio Quintavalle, Augursto Rado e Valentino Taroni.

Bisogna attendere addirittura 46 anni per un nuovo scontro diretto, vinto nuovamente dai rappresentanti del Bel Paese per 5-0 in quel di Torino. Protagonisti assoluti del week-end furono l’attuale capitano Corrado Barazzutti ed Adriano Panatta, simboli del tennis italiano negli 70′ e 80′.

Un giovanissimo Roger Federer impressionò invece nel successo del 1999 della Svizzera per 3-2 a Neauchatel. L’attuale terza forza del ranking mondiale diede un contribuito fondamentale alla sua squadra, sconfiggendo Davide Sanguinetti nella seconda sfida.

Col passare degli anni, gli elvetici Roger Federer e Stan Wawrnika diventarono due dei più forti tennisti nel panorama mondiale, e furono protagonisti delle vittorie del play-off 2009 e della semifinale 2014, entrambe 3-2.

Dopo tre successi rosso-crociati l’obiettivo dei ragazzi di Barazzutti non può che essere quello di invertire il trend.

Foto: Tonelli per Federtennis

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianni.lombardi@oasport.it

Lascia un commento

Top