Superbike, Round Australia 2016, gara-2: Rea concede il bis. 3° Giugliano, out Savadori

Rea-Superbike-Pagina-FB-Kawasaki-2.jpg

Il Campione del Mondo in carica (Jonathan Rea Kawasaki Racing Team) vince anche gara-2, sul circuito di Phillip Island, e stabilisce subito un piccolo record: era dal 2011, con Carlos Checa, che un pilota SBK non faceva doppietta sulla pista australiana. Chaz Davies (Aruba.it Racing Ducati SBK Team) ha provato a prolungare questo digiuno in ogni modo, fino all’ultimo giro, ma ha perso l’anteriore alla curva 4 ed ha chiuso al decimo posto.

Il migliore alla partenza, tuttavia, era stato il poleman Tom Sykes sulla sua Kawasaki ZX-10R, con il compagno di squadra Rea che ha dovuto lottare duramente con la Ducati di Davide Giugliano, secondo in griglia; buona partenza anche per il pimpante australiano Michael Van der Mark (Honda WSBK Team), passato in men che non si dica dalla sesta alla terza posizione. Dietro al gruppo di testa, con un po’ di gap, inseguiva Nicky Hayden (Honda WSBK Team), sbarcato quest’anno nel Circus delle derivate di serie, che ha successivamente recuperato terreno e si è allineato ai colleghi più veloci.

A 12 giri alla fine Sykes ha commesso un errore, andando largo nel quarto settore, lasciando così passare “kondor” Rea, seguito da Michael Van Der Mark e Chaz Davies; il ventitreenne olandese ha addirittura preso la leadership temporanea della gara, comandando il gruppo di testa composto ora da sette piloti, visto il ricongiungimento operato da Sylvain Guintoli su Yamaha.

Alle loro spalle, Jordi Torres del team Althea Racing BMW, frenato in questo weekend da un infortunio rimediato durante i test, si era nel frattempo fatto sotto, recuperando il ritardo su Giugliano e tentando il sorpasso su Sykes. In testa, il trio Van der Mark-Rea-Davies pareva avesse ormai monopolizzato la lotta per il podio.

Ma il pilota britannico della Ducati non voleva accontentarsi di un altro secondo posto così all’ultimo decisivo giro Davies e Rea hanno inscenato uno spettacolare duello all’ultima sverniciata, fino a quando, nel tentativo di effettuare il sorpasso della vittoria, il pilota gallese non ha perso l’anteriore della sua 1199 Panigale R. Il Campione del Mondo 2015 è andato così a vincere in solitaria anche la seconda manche del primo round stagionale. Piazza d’onore finale per Van der Mark.

Il giro conclusivo ha visto un’altra lotta serrata. Quando ormai mancavano poche curve al traguardo, il nostro Davide Giugliano e Nicky Hayden (Honda WSBK Team) hanno duellato per la terza piazza: l’americano sembrava poter festeggiare al meglio l’esordio in WorldSBK, ma l’italiano ha trovato lo spazio giusto per dipingere il fantastico sorpasso che gli è valso un importantissimo – soprattutto per il morale – primo podio stagionale. Il “Kentucky Kid” ha così chiuso gara-2 con un rispettabile quarto posto, dopo l’anonimo nono di gara-1.

Male la coppia dell’Aprilia: tredicesimo Alex De Angelis, mentre Lorenzo Savadori è stato costretto al ritiro dopo appena due giri.

La prossima tappa del WorldSBK 2016 sarà Buriram, nord della Thailandia, dove l’anno scorso Rea ha conquistato la sua prima doppietta stagionale; i suoi avversari avranno il duro compito di provare a fermarlo. Il nord-irlandese ha iniziato il campionato al meglio e intende difendere in ogni modo il suo alloro iridato, anche per diventare l’unico pilota del nuovo millennio a vincere due titoli consecutivi SBK.

L’ORDINE DI ARRIVO GARA-2

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giuseppe.urbano@oasport.it

FOTO: pagina FB Jonathan Rea

Lascia un commento

Top