Ciclismo: Nibali cresce, Aru ingrana. Si rivede anche Oscar Gatto

Fabio-Aru-Astana-Foto-Gianluca-Santo.png

Era dal 2012 che Vincenzo Nibali non vinceva a febbraio. In quella stagione, poi, conquistò un secondo posto alla Liegi-Bastogne-Liegi e il primo podio al Tour de France. Ma non solo lo Squalo: ecco come si sono comportati gli italiani nella scorsa settimana.

Partiamo proprio da Nibali, che ha vinto il Tour of Oman conquistando anche il successo sulla Green Mountain, salita simbolo della corsa. Il messinese ha evidenziato già una buona forma e questa potrebbe essere una buonissima notizia in vista degli obiettivi della prima parte di stagione (Liegi e Giro d’Italia). La forma trovata, però, sembra essere il preludio di una stagione corta: sarà difficile vedere Nibali ancora competitivo dopo le Olimpiadi di Rio se tutto andrà come previsto. Per quanto riguarda gli altri italiani impegnati al Tour of Oman, buoni segnali da Domenico Pozzovivo, mentre ha faticato l’atteso Andrea Guardini nelle tappe che si sono risolte in volata.

Ha iniziato a farsi vedere nelle prime posizioni anche Fabio Aru alla Volta ao Algarve. Compagno di Nibali all’Astana, ha chiuso solo nono la classifica generale ma nell’ultima frazione con arrivo in salita si è arreso solo a Contador. Il sardo ha bisogno di tempo per trovare la condizione e il suo obiettivo è il Tour. Visto così, però, potrebbe anche provare a saggiare le classiche delle Ardenne nel mese di aprile.

Chiudiamo con la Vuelta a Andalucia. Bene, in volata, la coppia Tinkoff formata da Daniele Bennati ed Oscar Gatto: un successo a testa per due atleti che non possono essere considerati semplici velocisti. In particolare, il secondo potrebbe essere una pedina fondamentale per Sagan nelle classiche del nord. E potrebbe anche togliersi qualche soddisfazione. Bene anche Fabio Felline (Trek-Segafredo). Molto volenteroso, ha raccolto tanti piazzamenti. Corridore sempre interessante. Come interessante è Gianni Moscon, giovanissimo in forze al Team Sky. Sta prendendo le misure ma le prime impressione all’approdo tra i professionisti sono buone.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Twitter: Santo_Gianluca

Lascia un commento

Top