Hockey su ghiaccio, Coppa Italia: Final Four a Brunico. Il Renon decimato insegue il tris

Hockey-ghiaccio-finale-Coppa-Italia-Semino-2.jpg

Il Renon ha vinto la Coppa Italia di hockey su ghiaccio nel 2013-2014 e nel 2014-2015. L’edizione 2015-2016, che terminerà con la Final Four in programma oggi e domani a Brunico nello stesso anno solare del secondo successo Buam (lo scorso gennaio in casa del Milano, 4-2 proprio contro i rossoblu), potrebbe valere alla squadra di Collalbo il tris consecutivo, anche in virtù di un campionato finora senza rivali, con primo posto in classifica e ben nove punti di vantaggio sulla seconda.

Ma il Renon che si presenta in casa del Val Pusteria per la semifinale contro il Valpellice guidato in panchina dalla leggenda NHL Tom Barrasso dovrà fare a meno di sei pedine che avrebbero potuto fare la differenza in qualsiasi momento. Mancheranno infatti Luca Ansoldi, Alex Frei, Jan Waldner, Mark Van Guilder, Markus Spinell e Kevin Kink. E allora i piemontesi sognano il colpaccio, per tornare a giocarsi il titolo vinto tra le mura amiche nel 2013.

Grande spettacolo in vista nell’altra gara: Val Pusteria e Asiago si sono incontrate nell’ultima partita di campionato e i giallorossi, sotto 4-0, hanno vinto all’overtime per 6-5 grazie a una delle rimonte più pazze della storia di questo sport. Adesso le due squadre torneranno ad affrontarsi: da un lato una rosa più rodata, ma storicamente disunita nei grandi appuntamenti, come quella dei Lupi e dell’altro i campioni d’Italia, che dopo un inizio di stagione difficile hanno ritrovato certezze superando con merito il girone di Continental Cup e accedendo alla Superfinal di gennaio.

Le due semifinali sono previste per le 15 e le 20. Domani, alle 15.15, l’atto conclusivo con diretta tv su RaiSport 1. Di seguito il trofeo messo in palio dalla Fisg.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Carola Semino

Lascia un commento

Top