Nuoto, Europei vasca corta Netanya 2015: le stelle straniere della manifestazione. Risposte all’Australia?


Sarah Sjoestroem 2 - nuoto - foto facebook fina dpm

Mercoledì cominceranno a Netanya (Israele) gli Europei di nuoto in vasca corta 2015, in programma fino a domenica 6 dicembre e con 36 italiani convocati. Dopo aver analizzato a lungo formazione e speranze di medaglie azzurre, oggi è il giorno dei principali atleti stranieri, chiamati a rispondere alle super prestazioni fornite dalle stelle australiane durante i campionati nazionali dell’ultimo fine settimana.

Presto inizieranno a fare sul serio verso Rio 2016 anche gli statunitensi (Michael Phelps e Missy Franklin saranno in prima fila nelle gare di Washington del weekend, in contemporanea con gli Europei, e tra due settimane c’è l’atteso Duel in the Pool tra Usa ed Europa), ma anche il Vecchio Continente ha le sue punte in vista dell’Olimpiade. E, soprattutto per quanto riguarda il settore femminile, in Israele lo spettacolo sarà garantito.

I nomi grossi, infatti, ci sono tutti. Dall’ungherese Katinka Hosszu, eclettica specialista della vasca corta con 13 medaglie iridate e 9 continentali, alla svedese Sarah Sjoestroem, che pur detenendo il record del mondo dei 200 stile libero non dovrebbe prendere parte alla gara (al momento non risulta nella start list) concentrandosi sul delfino veloce e, perché no, sui 100 sl in cui Cate Campbell ha da poco abbattuto il muro dei 51”. In mezzo, vietato dimenticarsi le olandesi Femke Heemskerk e Ranomi Kromowidjodo. La prima avrebbe tutto per dominare, ma la limita ancora la tenuta mentale e Philippe Lucas la sta aiutando proprio in questo. La seconda, olimpionica della velocità pura, è reduce da qualche stagione in chiaroscuro e ora non può più perdere tempo verso Rio 2016.

CLICCA PAGINA 2 PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

Lascia un commento

Top