MotoGP, GP Valencia 2015, Marc Marquez: “Possibili accordi? Sono un pilota che va sempre al 100%”

Marc-Marquez-2-FOTOCATTAGNI.jpg

Un provato Marc Marquez si presenta ai microfoni della conferenza stampa di questo giovedì cosi caldo di Valencia precisando subito come e quanto sia stata una 7 giorni di difficile gestione per lui: Onestamente è stata una delle settimane più difficili della mia vita perchè dopo la Malesia ho cercato di concentrarmi per Valencia. Tuttavia, come tutti sanno è stato molto complicato prepararmi però ora sono qui e voglio cercare di chiudere la stagione con il miglior risultato che sia una vittoria o il podio. Credo che l’ultima gara sia sempre una grande festa e quindi i tifosi debbono godersela e ovviamente sappiamo che qualcuno farà il tifo per Valentino, Jorge ecc ma alla fine tutti sono per vedere lo show delle moto”.

Alla domanda sugli accadimenti di Malesia Marc subito chiarisce: A Sepang ho già detto quanto fatto e la mia opinione è la stessa anche perchè la Fim e la Dorna ci hanno detto di non parlare della Malesia. La Honda tuttavia mostrerà i dati della telemetria dopo la gara. Rimpiango solo di non aver concluso la gara ma rispetto a quanto avvenuto non sono affatto pentito perchè io cerco sempre di fare del mio meglio per gli sponsors , team ecc così in Malesia, Australia lottando per la posizione in cui mi troverò”.

Sull’andamento della stagione 2015 il Cabronçito ammette:E’ stata un’esperienza difficile per un pilota che ha anche 22 anni. Non è semplice trovarsi in una condizione simile, in special modo per quanto avvenuto quest’anno. Quanto capitato dimostra che debbo migliorare per imparare dagli errori commessi e lottare per il titolo nel 2016. Ciò che ho imparato che un terzo o un quarto posto può essere positivo per un campionato ed inoltre il più grosso errore è stato avere una moto non performante nelle prime 6 gare e non sono stato in grado di gestire la situazione. 

In merito gli attacchi ricevuti sui social media Marquez si mostra sicuro della sua posizione: “Ho cercato di concentrarmi e ho sentito i vari commenti. Ognuno ha la propria idea, io cerco soltanto di fare il meglio nel mio lavoro che è guidare la moto per me, i miei sponsor e la mia squadra. Quindi non cambierà nulla”.

Sull’ipotetico ricorso al Tas di Honda il 93 ha precisato: “Noi eravamo della convinzione opposta, noi abbiamo cancellato la conferenza stampa per mostrare i dati senza influenzare la decisione del Tribunale. Io so cosa è successo in Malesia e rispetto la decisione della FIM e Del Tas”.

Sulla strategia di gara che ci potrebbe essere Marquez respinge al mittente ogni riferimento tendenzioso ad accordi con altri piloti: “I sono un pilota che va in pista che dà sempre il 100% e spesso finisco per cadere come è successo ad Aragon. Cosi è stato in Australia e in Malesia. Se sarà necessario lottare contro il mio compagno di squadra per la vittoria lo farò, al pari di altre posizioni con qualunque altro driver“.

 

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

FOTOCATTAGNI

Twitter: @Giandomatrix

Lascia un commento

Top