Calcio – Serie A, Top&Flop decima giornata: Higuain letale, Zappacosta in gol

Higuain-Calcio-Flick-assolutamente-libera.jpg

La decima giornata di Serie A, giocata in infrasettimanale, si completerà questa sera con Sampdoria-Empoli. Sono però già tanti, tantissimi, gli spunti offerti da questo turno. A partire dall’Inter che torna al successo sul campo del Bologna fino alla sconfitta della Juventus con il Sassuolo, c’è lo stato di forma super di Roma e Napoli, al momento le più concrete favorite per lo scudetto, il rilancio della Fiorentina e i mali da trasferta della Lazio, la vittoria senza subire gol del Milan e il pirotecnico 3-3 tra Torino e Genoa. Ecco i migliori e i peggiori del mercoledì calcistico.

TOP

Higuain letale: Napoli ha il suo oro. Pregiato, di oltre venti carati. Tradotto: il Pipita può superare tranquillamente la soglia dei venti gol stagionali. E’ sulla buona strada: già capocannoniere solitario a quota otto. Trascina la squadra al successo contro il Palermo sbloccando la partita con un missile. Colpisce anche un palo, si diverte negli schemi di Sarri. Deve sfatare i tanti errori commessi in estate nei momenti decisivi: è l’anno buono?

Maicon come ai vecchi tempi: toh, chi si rivede. Ecco il Maicon versione Inter, la locomotiva imprendibile sulla fascia destra che vinse la Champions nel 2010. Il brasiliano si ricorda del suo passato ed è l’arma in più della Roma che batte anche l’Udinese e mantiene la vetta della classifica. Prima offre al solito Pjanic la palla del vantaggio, poi raddoppia mettendosi in proprio.

L’altro Rossi: dalla Moto GP al campionato. Curiosamente, in Verona-Udinese di ieri sera si è riproposto grazie a uno scherzo del destino e di omonimie il duello Marquez-Rossi che ha infiammato gli ultimi giorni e di cui si parlerà fino al prossimo 8 novembre (e forse oltre). A differenza di Sepang, però, al Bentegodi sorride Rossi, Giuseppe. La Viola torna a correre dopo due ko consecutivo e Pepito, forse ispirato da un altro quasi omonimo (di soprannome), il Pipita, manda in porta Kalinic con l’assist dello 0-2.

FLOP

Il pasticcio di Chiellini: non sarà una stagione facile per la Juventus. Dopo quattro anni quasi perfetti, ovviamente con enorme merito, il vento è iniziato a girare dalle prime partite del nuovo campionato. Eloquente in pareggio a tempo scaduto di Blanchard, tifoso bianconero prima ancora che difensore del Frosinone, per il primo storico punto dei ciociari in Serie A. Un’altra fotografia è l’espulsione del difensore azzurro a fine primo tempo nella gara persa con il Sassuolo: non accadeva dal 2007 nel nostro campionato.

Delio Rossi out: il tecnico del Bologna viene esonerato dopo otto sconfitte in dieci giornate. Vero, probabilmente la rosa che gli è stata allestita in estate non è all’altezza della Serie A, ma i numeri sono pesanti. Soprattutto, poi, il grande investimento Mattia Destro si sta ritorcendo contro la (burrascosa) dirigenza emiliana: l’ex attaccante della Nazionale fallisce il pareggio contro l’Inter a tempo scaduto. Momento no, a Roberto Donadoni un compito che sa di miracolo.

Lazio da trasferta: in dieci giornate, i biancocelesti hanno perso quattro volte su cinque lontano dall’Olimpico. Il fattore casa non basta per raggiungere la Champions: Stefano Pioli deve invertire al più presto questa infelice tendenza della sua squadra, colpita a Bergamo da un super Papu Gomez, sui livelli di Catania.

Di seguito, invece, i tre migliori giovani italiani dell’ultimo turno:

Davide Zappacosta (Torino): l’anno scorso ingranò in primavera all’Atalanta, trovando in qualche occasione la via della rete. In granata l’ex esterno dell’under 21 segna il suo primo gol a ottobre, contro il Genoa, e si conferma uno dei migliori prospetti azzurri in circolazione.

Alessio Romagnoli (Milan): il momento buio sembra alle spalle. Per i rossoneri, che hanno anche ritrovato un Alessio Cerci ispirato nel tridente, e per “mister 25 milioni”, che dopo l’espulsione rimediata contro il Napoli ha saltato la trasferta di Torino ed è risultato tra i migliori nelle vitali vittorie contro Sassuolo e Chievo. Domenica contro la Lazio, nel “suo” Olimpico, la prova della verità.

Alessandro Florenzi (Roma): non segna, ma è fondamentale come jolly tattico nella scacchiere di Rudi Garcia. E dimostra una personalità invidiabile nel portare la fascia da capitano.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Wikipedia

Tag

Lascia un commento

Top