Calcio, qualificazioni Euro 2016: l’Italia vola in Francia! Espugnata Baku 3-1

Eder-Chiellini-calcio-foto-pagina-ufficial-fb-eder.jpg

Missione raggiunta. Battendo 3-1 l’Azerbaijan a domicilio, l’Italia ottiene la vittoria mancante per la qualificazione agli Europei 2016 di calcio e accede alla fase finale che si svolgerà la prossima estate in Francia. La Nazionale sembra in crescita: mai durante la gestione di Antonio Conte si erano segnate tre reti.

Con un 4-4-2 che spesso diventa 4-2-4 grazie agli innesti di Candreva ed El Shaarawy sulle fasce, l’ex bianconero sorprende tutti e torna alle origini. Era infatti questo il modulo usato nelle prime esperienze da allenatore del pugliese, che poi lo provò anche nell’estate d’esordio alla Juventus prima di virare sul 3-5-2 dopo poche giornate di campionato. Contro gli azeri la scelta paga: l’Italia è aggressiva e crea un’infinità di palle gol. Alla prima, dopo una parata comoda di Buffon, arriva il vantaggio firmato Eder, lanciato in maniera divina da Verratti finalmente nel ruolo di regista vista l’assenza di Pirlo. Per il blucerchiato, capocannoniere in Serie A, è la seconda marcatura con la maglia della Nazionale in cinque presenze.

Il match è vibrante, l’Italia prova a controllarlo ma alla mezz’ora arriva il pareggio di Nazarov. L’ala dei padroni di casa fulmina Buffon con un destro dal limite. Gli azzurri quindi devono tornare alla carica. El Shaarawy, altalenante protagonista in Ligue 1 con la maglia del Monaco dopo tanti problemi al Milan, pare ispirato come nelle due uscite di settembre. In due occasioni sfiora la traversa e poi, al 43′, raccoglie un generoso assist di Candreva e raddoppia a porta vuota. Nella ripresa continua l’ottima intesa tra gli attaccanti italiani e al 61′ Eder non può esultare per la doppietta personale solo a causa di un salvataggio sulla linea di Sadygov. Poco male, comunque, perché quattro giri d’orologio dopo è Darmian a siglare l’1-3 che spedisce definitivamente la Nazionale di Antonio Conte a Francia 2016 da imbattuta.

Gli ultimi venti minuti, infatti, sono pura accademia, in cui va registrata l’espulsione di Huseynov per un fallo su Giovinco da chiara occasione da rete. La Formica Atomica, come anche Montolivo subentrato nel finale, ritrova così la Nazionale e condisce il ritorno con una traversa su punizione.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace alla pagina “La storia dell’Italia nelle fasi finali di Mondiali ed Europei

 

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: pagina Facebook ufficiale Eder

Lascia un commento

Top