Basket, Serie A 2015/2016: Reggio Emilia italian style. Giovani azzurri in rampa di lancio

basket-achille-polonara-reggio-emilia-fb-achi-polonara.jpg

Il movimento del basket italiano è uscito certamente fortificato dall’ultimo Europeo, grazie alle ottime prestazioni di una nazionale che ha saputo catalizzare l’attenzione di tanti tifosi e anche dei vari media nazionali. Ora l’obiettivo è quello di tenere viva questa fiamma anche per il campionato, dove sono tantissimi gli azzurri che avranno un ruolo da protagonisti.

Di Alessandro Gentile si è già parlato tanto nell’analisi delle stelle del campionato, ma in maglia Olimpia è arrivato quest’anno anche Andrea Cinciarini, che dopo una vita passata “in provincia” arriva a 29anni a giocarsi l’occasione più importante della carriera in una grande piazza come Milano, che punta a tornare a conquistare lo Scudetto e fare bene anche in Eurolega, competizione nella quale il Cincia dovrà dimostrare di valere il ruolo che Repesa e società gli hanno affidato anche in chiave preolimpico con la nazionale a giugno. Sempre in cabina di regia a Milano c’è un giovane molto interessante ed è Andrea Amato. Dopo due stagioni a Casalpusterlengo, ecco il ritorno a casa e la voglia di stupire e farsi trovare pronto quando il coach lo richiamerà in campo.

Per analizzare gli azzurri del nostro campionato non si può non trasferirci in quel di Reggio Emilia. La Grissin Bon è la “casa degli italiani”. A Della Valle e Polonara, già protagonisti della passata stagione, si sono aggiunti Pietro Aradori e Stefano Gentile. Un poker nostrano che ha già dimostrato in Supercoppa di essere esplosivo, trascinando la squadra di coach Menetti al titolo. Sicuramente Simone Pianigiani guarderà con molta attenzione Reggio Emilia e probabilmente saranno numerose le trasferte del ct azzurro al Pala Bigi.

Un’altra formazione che punta sull’azzurro è l’Acqua Vitasnella Cantù, che nel proprio roster può contare su alcuni dei migliori giovani del panorama italiano: il capitano Awudu Abass Abass, Marco Laganà ed Amedeo Tessitori, tutti e tre pronti alla definitiva esplosione, con il primo che potrebbe partire già in quintetto titolare più volte.

Restando sempre in orbita giovani i nomi di Simone Fontecchio e Tommaso Laquintana sono quelli che balzono maggiormente all’occhio. Entrambi hanno fatto benissimo con le nazionali giovanili e soprattutto Fontecchio è già una certezza in casa Virtus Bologna. Per Laquintana, dopo le ottime apparizioni con Biella, la grande occasione in quel di Capo d’Orlando, squadra che gli può permettere un minutaggio importante.

Dai giovani passiamo a coloro che sono ormai dei veterani del nostro campionato. Gianluca Basile ha fatto la storia della pallacanestro italiana e per questa stagione continuerà a deliziare i tifosi di Capo d’Orlando, facendo da chioccia ai giovani (vedi Laquintana) presenti in rosa. Luca Vitali e Marco Cusin sono l’accoppiata sulla quale Cremona punta per centrare i playoff. Dopo numerose stagioni trascorse in Spagna, torna finalmente nel nostro campionato Giuseppe Poeta, in quella Trento di Davide Pascolo, altro azzurro chiamato al definitivo salto di qualità, perchè questa Serie A è ricca di talento e soprattutto di tanti italiani che hanno voglia e desiderio di essere protagonisti

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca Qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina sul Basket

foto da pagina FB della Vanoli Basket Cremona

twitter Andre_Ziglio

andrea.ziglio@oasport.it

Lascia un commento

Top