Vuelta a España 2015: Astana rivedibile, ma Aru può ancora farcela

Fabio-Aru-Ciclismo-Pagina-FB-Aru.jpg

Sei secondi. Un’inezia da giocarsi in 176 km e quattro Gran Premi della Montagna di prima categoria: sarà però in discesa, ovvero a Cercedilla (11 km dopo l’ultimo scollinamento), che si deciderà il vincitore della Vuelta a España 2015.

Tom Dumoulin o Fabio Aru, lo ripetiamo da due giorni. Ieri, perfetta parità tra i due: oggi, parità iniziale confermata dalla caduta per entrambi, che pure ha portato in dote qualche conseguenza meno gradevole per il sardo dell’Astana, al quale comunque il rivale si è sportivamente avvicinato per accertarsi delle sue condizioni. Il perfetto equilibrio si è poi spezzato sul pavè di Ávila: non una salita vera, bensì una rampa da classiche, dove uno straordinario passista come Dumoulin ha potuto raddoppiare il suo margine portandolo da tre, appunto, a sei secondi. Un’inezia, lo dicevamo in apertura, sebbene in questi contesti la psicologia conti più del cronometro e un Dumoulin che guadagna tre secondi, a fronte di un Aru generosissimo nella giornata di ieri, avrà un morale senza dubbio più elevato di quello dell’azzurro.

Sia chiaro, Fabio Aru può ancora farcela: domani, però, avrà bisogno di un’Astana ben diversa da quella vista oggi. Difficile decifrare la tattica di corsa odierna dei kazaki: Diego Rosa in dispendiosa marcatura su Valverde, lui, Cataldo e Sáncheapparsi quasi senza una strategia precisa e poi assenti, ovviamente non per propria volontà, al momento dell’attacco di Dumoulin. Su un terreno non certamente congeniale, Aru ha dovuto fare tutto da solo, trovando sì un gregario, ma in Domenico Pozzovivo e non nei compagni d’azzurro vestiti: forse, se i chilometri precedenti lungo i larghissimi stradoni castigliani fossero stati gestiti dalla squadra con maggior intelligenza, il sardo non avrebbe perso quei tre secondi. Che sono sempre tre secondi, che fanno sei secondi totali: un’inezia, appunto. Ma un’inezia profonda il doppio di ieri.

foto: pagina Facebook Fabio Aru Fans Club

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

marco.regazzoni@oasport.it

 

Lascia un commento

Top