Pallamano, Serie A maschile: analisi e numeri dopo la seconda giornata

Pallamano-Bozen-Demis-Radovcic-FIGH.jpg

Dopo la prima giornata rompi-ghiaccio, entra nel vivo il campionato italiano di Serie A maschile dove, nella seconda tornata, abbiamo assistito a prove di eccellente fattura sia da parte delle squadre che dei singoli giocatori.

GIRONE A: il Bolzano si conferma la formazione da battere, ma ha dovuto faticare per superare la Metallsider Mezzocorona. La squadra allenata da Marcello Rizzi ha dunque stupito nel corso del loro esordio stagionale, dimostrando solidità in attacco e compattezza in difesa.

Torna in forma anche il Pressano, che si riprende dal passo falso del debutto conquistando i 3 punti contro il Merano con un netto 27-19.

Interessante anche l’andamento del Principe Trieste, che a Malo ha conquistato la seconda vittoria in altrettante partite.

Prova di cuore per il Cassano Magnago, vittorioso in casa contro la Forst Brixen.

La sensazione è che Bozen a parte, tutte le altre compagini saranno in grado di darsi battaglia in vista della poule play-off.

GIRONE B: poche sorprese, Terraquilia Carpi e Romagna superano agevolmente Rapid Nonantola e Bologna, mentre l’Ambra cede di misura a Ferrara contro l’Estense.

In testa alla classifica c’è però anche la Luciana Mosconi Dorica Ancona, che si candida nel ruolo di outsider del raggruppamento grazie al successo sul campo della Nuova Era Casalgrande.

GIRONE C: anche qui tre squadre al comando. La solita Junior Fasano continua a macinare punti sconfiggendo la Lazio con un netto 35-17.

A far compagnia alla formazione pugliese in cima alla classifica ci sono Teamnetwork Albatro Siracusa e HC Fondi, vittoriose rispettivamente contro Gaeta e Benevento.

Foto: FIGH

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianni.lombardi@oasport.it

Lascia un commento

Top