Beach handball, un’estate a due facce tra i trionfi della femminile e lo sconforto della maschile

Beach-handball-FIGH.jpg

Stagione in chiaroscuro quella del beach handball italiano, con gli ultimi Europei di Lloret de Mar che hanno rafforzato la posizione di vertice della squadra femminile, mentre hanno messo il luce tutte le difficoltà della Nazionale maschile, tra mancanza di talenti e insufficienza di allenamenti.

Nella rassegna continentale, infatti, le ragazze guidate dal tecnico Tamas Neukum hanno conquistato una splendida medaglia di bronzo oltre al pass per il prossimo Mondiale, in programma la prossima estate in Ungheria. Un grandissimo risultato se pensiamo al livello che abbiamo nel Bel Paese nella pallamano “da palazzetto” e con le atlete che non sempre hanno la possibilità di allenarsi insieme sulla sabbia. Oltre al grandissimo risultato di gruppo, si registra anche la nomina di Monika Prunster come miglior portiere della manifestazione.

Discorso contrario per la Nazionale maschile che, guidata dal pivot della Junior Fasano Pasquale Maione, evita l’ultimo posto, ma palesa grosse difficoltà con il terreno. L’unica vittoria, infatti, arriva agli shoot-out contro la Svizzera nella fase di piazzamento dalla nona alla dodicesima posizione.

La settimana dopo l’Europeo, l’11 luglio, sono stati anche assegnati i campionati italiani, finiti al Grosseto “A” tra gli uomini e al Mezzocorona tra le donne.

Ora, per ultimare la stagione, mancano solo i Mediterranean Beach Games, in programma a fine mese a Pescara.

Foto: FIGH

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

 gianni.lombardi@oasport.it

Lascia un commento

Top