Atletica, Mondiali 2015: la Russia diserta la marcia! Troppi casi doping

Russia-doping-marcia.jpg

La Russia ha reso noto l’elenco dei 71 atleti che prenderanno parte ai Mondiali di Pechino (clicca qui per maggiori informazioni). Spicca la presenza del solo cinquantista Aleksandr Yargunkin nella marcia. Significa dunque che non sarà al via nessun russo né nella 20 km femminile né in quella maschile.

Una decisione ragionevole e per certi versi quasi obbligata da parte della Federazione della nazione dell’Est Europa, travolta di recente da un susseguirsi di scandali doping che hanno sostanzialmente spazzato via l’intera nazionale di marcia.

Lo scorso gennaio erano stati sospesi per anomalie nel passaporto biologico Sergei Kirdyapkin, oro ai Giochi di Londra 2012 nella 50 km, Valery Borchin ed Olga Kaniskina, i due olimpionici della 20 km sempre nella medesima edizione britannica.

Solo qualche settimana fa, inoltre, la Federazione russa ha licenziato il tecnico Viktor Chegin (e, insieme a lui, altri 20 atleti), il principale ‘artefice’ di un sistema di doping di squadra diffuso e generalizzato.

In sostanza, la marcia russa aveva perso (da tempo) ogni credibilità. Da qui la scelta di disertare i Mondiali di Pechino. Sarà l’inizio di un reale percorso di pulizia?

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

federico.militello@oasport.it

2 thoughts on “Atletica, Mondiali 2015: la Russia diserta la marcia! Troppi casi doping”

  1. alebi scrive:

    Notizia che era nell’aria da una settimana. Però non basta che facciano un gesto una tantum se poi l’anno prossimo si ripresentano con marciatori di Saransk. Ora per la Giorgi si apre uno scenario veramente interessante, è un’occasione troppo da sfruttare.

  2. ale sandro scrive:

    Grazie Federico per l’informazione che indirettamente risponde alla domanda che avevo fatto in un altro commento. Diventa così più interessante la 20 km femminile con le cinesi padrone di casa, la ceca Drahotova e speriamo la Giorgi (o Rigaudo e Palmisano) tra le favorite.

Lascia un commento

Top