Nuoto di fondo, Mondiali 2015: le 25 chilometri per l’ultima fatica

Alice-Franco-seconda-al-GP-di-Cozumel-2015-nuoto-di-fondo-foto-da-twitter-Jos-van-Kuijeren-‏.jpg

L’ultima fatica. Con le 25 chilometri di domani, partenza prevista alle 7 italiane e arrivo dopo circa cinque-sei ore, si chiuderanno i Mondiali 2015 di nuoto di fondo. L’Italia ha conquistato finora un bronzo insperato con Matteo Furlan nella 5 chilometri, tre pass olimpici nella 10 e due quarti posti. Un bottino in linea con le previsioni anche se più volte i pronostici sono stati ribaltati. Esempio: la sorpresa di Federico Vanelli, dall’ipotesi ritiro al sogno Rio 2016, e la delusione di Aurora Ponselè, frenata da un errore di rotta fatale in avvio di gara.

La “maratona”, dunque, offrirà gli spunti per il voto definitivo alla spedizione guidata dal commissario tecnico Massimo Giuliani. La sensazione fino a questo momento, basandoci soprattutto su quanto visto nelle 10 chilometri, è che si stia lavorando molto per il futuro. Nessuna medaglia nella gara olimpica, con l’amarezza per il bronzo sfumato in volata da Rachele Bruni, ma una tappa di passaggio in vista dell’anno prossimo. La toscana, che l’8 agosto difenderà la sua leadership in Coppa del Mondo nella acque giapponesi del Lac Megantic, può migliorare ancora molto, come anche Simone Ruffini, a cui manca pochissimo per raggiungere il livello dei migliori.

Proprio Ruffini è, come Alice Franco tra le donne, la principale speranza azzurra per la lunghissima gara di domani. Si è concentrato sulla 10, vero, ma da sempre nuota ad alti livelli anche nella distanza più lunga. La piemontese invece è una veterana della specialità, ha già vinto medaglie importanti e può realisticamente lottare per il podio che le sfuggì per una sola posizione a Barcellona 2013. Con loro due compagni all’estremo opposto: il veterano Simone Ercoli, capitano di lungo corso forse all’ultimo Mondiale, e l’esordiente Ilaria Raimondi, 21enne sbocciata in Coppa Len.

Al maschile (qui la start list) il russo Evgenii Drattcev è il favorito numero uno: dopo il riscaldamento della 5 chilometri e l’assenza nella 10 (non si è qualificato ai Trials nazionali), è giunta la sua ora. Il francese Axel Reymond è campione europeo in carica, proprio davanti all’atteso padrone di casa, e proverà a rovinargli la festa come anche i brasiliani Allan Do Carmo e Diego Villarinho. Tra le donne invece sono 21 le iscritte: Angela Maurer e Ana Marcela Cunha in pole position visto il palmarès, l’ungherese Anna Olasz da marcare stretta. E attenzione in entrambe le occasioni agli Usa, in grande stato di forma nel fiume Kazanka.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo del nuoto italiano

 

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Twitter Jos van Kuijeren ‏(Alice Franco seconda al GP di Cozumel quest’anno)

Lascia un commento

Top