Ginnastica, PanAm – Trionfano gli USA. Brasile e Canada rispondono per il Mondiale. Pena da Produnova e…

PanAm-podio.jpg

Dopo aver ipotecato l’oro nel rispettivo turno di qualificazione, gli USA ufficializzano il titolo ai Giochi PanAmerica, competizione multisportiva riservata al Nuovo Continente.

A Toronto (Canada) la formazione stelle e strisce, in quintetto B e tutt’altro che titolare, ha dovuto aspettare le suddivisioni di Canada e Brasile per conquistare ufficialmente la medaglia d’oro con un perentorio 173.800 (clicca qui per saperne di più della loro gara).

 

Visto che Madison Desch, Amelia Hundley, Rachel Gowey, Emily Schild e Megan Skaggs saranno difficilmente ai Mondiali (forse solo una, se succederà qualcosa di clamoroso davanti) gli occhi erano puntati su quello che accadeva nelle retrovie.

Il Canada finisce secondo (166.500), il Brasile è terzo (165.400). Ellie Black ha convinto su praticamente tutti gli attrezzi: 14.4 al volteggio, 14.1 alla trave, 14.2 al corpo libero ma ha pagato un grave errore alle parallele (12.95). Isabela Onyshko l’ha supportata con regolarità (bel 14.3 sugli staggi), con lei anche Victoria Woo, Maegan Chant e Madison Copiak: almeno quattro di queste ragazze saranno ai Mondiali e saranno sulla carta un avversario per l’Italia (le azzurre sembrano però avere più qualità).

Il Brasile ha perso Rebeca De Andrade per infortunio al crociato e si è presentata con una grandiosa Flavinha Saraiva. La ginnasta più bassa dell’intero circuito ha sfoderato un super trave da 14.550, ha confermato il suo bel corpo libero (14.200), mantenendo un buon livello alla tavola (14.15) e alle parallele (13.45). Le veterane Hypolito, Sinmon, Lima ed Oliveira hanno fatto il loro in attesa di Barbosa e Dos Santos: sarà una formazione da finale mondiale? Riusciranno a strappare subito il pass per le Olimpiadi casalinghe?

 

Per il resto da annotare il Produnova di Yamilet Pena Abreu. La dominicana è tornata a farsi viva e ha sparato l’impossibile salto al volteggio ma è notevolmente migliorata: ha toccato il materassino con i glutei ma è risalita immediatamente (15.100, molto interessante considerando l’errore). Spazio anche per Jessica Lopez, vincitrice della Coppa del Mondo all-around, che è salita solo su parallele (14.300) e trave (13.400)

Abbiamo ammirato anche la prima ginnaste delle Isole Cayman, note per essere un paradiso fiscale (Morgan Llyod, 40.050 nell’all-around). La guatemalteca Ana Gomez Porras si è messa in bella mostra: 57.200, terzo punteggio assoluto (14.6, 14.25, 14.35, 14.0).

Lascia un commento

Top