Tour de France 2015, nona tappa: Vannes-Plumelec, cronosquadre non banale

PROFIL3.png

Primo vero snodo cruciale per il Tour de France 2015. La prima settimana della 102esima Grande Boucle si chiuderà infatti con una delicatissima cronometro a squadre di 28km interamente in terra bretone, da Vannes a Plumelec. Non sarà questo il terreno su cui si scaveranno i distacchi più profondi, ma qualche indicazione potrebbe anche arrivare.

Il tracciato, oltretutto, si presenta come tutt’altro che banale. Anzi. Di pianura, infatti, i team ne affronteranno ben poca, praticamente soltanto nel tratto iniziale di 9 km e in un frammento della parte centrale. Per il resto, il percorso è caratterizzato da due salite magari non impegnative ma non da sottovalutare e, soprattutto, dallo strappo conclusivo, la Côte de Cadoudal, che accompagnerà i corridori all’arrivo nell’ultimo chilometro e 700 metri ad una pendenza media del 6,2%. Per qualche squadra, sulle rampe finali, restare con un minimo di cinque elementi (necessari per segnare il tempo) potrebbe anche rivelarsi un problema.

Plumelec non è nuova ad arrivi di tappa del Tour de France, avendo già ospitato il traguardo della Grande Boucle per quattro volte nella storia a partire dal 1982. Anche l’esordio del paese bretone riguardò una cronometro a squadre, vinta dall’olandese Ti-Raleigh, mentre tre anni dopo Plumelec ospitò pure la partenza del Tour, con un prologo sulle proprie strade vinto da Bernard Hinault. Il ritorno nel dipartimento di Morbihan è avvenuto nel 1997, quando ad imporsi fu Erik Zabel, mentre l’ultimo arrivo è datato sette anni fa, nel 2008, con la firma di Alejandro Valverde nella prima tappa.

Twitter: @panstweet

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

daniele.pansardi@oasport.it

Lascia un commento

Top