Hockey prato, Round 3 World League: Italia-Australia 0-2, le pagelle delle azzurre

10989177_10153932819676102_6724660138790290821_n1.jpg

Un’Italia tutto cuore si arrende all’Australia, numero due al mondo, nel quarto di finale del Round 3 di World League femminile ad Anversa per 2-0. Ottima prestazione per le azzurre che dovranno però continuare ad inseguire l’obiettivo Rio 2016 passando per il mini-torneo per il quinto posto. Andiamo a vedere le pagelle delle ragazze di Fernando Ferrara.

Martina Chirico, voto 8: per distacco la migliore delle azzurre. Prestazione monstre per il portierone azzurro che cala più volte la saracinesca per difendere sulle offensive australiane. Non può nulla sui due corti australiani (a dir la verità sul primo quasi ci scappa il miracolo), poi la sua porta diventa minuscola nei confronti delle attaccanti oceaniche. Meriterebbe il premio di miglior portiere del torneo.

Chiara Tiddi, voto 7: il capitano azzurro non ne sbaglia una. Ennesima prova di solidità per il libero: è l’ultima a difendere e la prima ad attaccare.

Costanza Aguirre, voto 6,5: questa volta non parte da sinistra, bensì da destra, vista l’assenza di Wybieralska, ma comunque disputa una discreta partita, soprattutto in fase difensiva.

Celina Traverso, voto 6,5: dopo due partite mediocri, il centrocampista amsicorino si riscatta. Come al solito ottimo il suo lavoro in fase di ripartenza.

Macarena Ronsisvalli, voto 5,5: il centrocampo azzurro subisce più di tutte il lavoro australiano, così Maca resta in ombra.

Florencia Nogueira, Eugenia Garaffo, Martina Lecchini, voto 5,5: come al solito Ferrara le usa nel finale per far rifiatare le titolari. Difficile trovare spazio nel muro australiano.

Dalila Mirabella, voto 6,5: si adatta alla grande ad un ruolo non suo (difensore). La giovane siciliana riesce a coprire e spesso e volentieri anche a far ripartire il contropiede. Mossa azzeccata da parte di ferrara.

Aldana Lovagnini, voto 6,5: il suo immolarsi sul corner corto australiano sul finale di terzo quarto la dice tutta sul cuore azzurro.

Giuliana Ruggieri, voto 6,5: l’attaccante azzurro ci prova in tutti i modi a saltare la difesa delle vice campionesse mondiali, ma purtroppo c’è poco da fare. Si ritrova sulla mazza la pallina del 2-1, ma il portiere australiano fa il miracolo.

Maria Socino e Marcela Casale, voto 6: come già detto, difficile trovare spazi a centrocampo. Sul finale di partita entrambe provano a dare il massimo e si rendono pericolose.

Valentina Braconi, voto 5,5: la più in ombra dell’attacco azzurro.

Elisabetta Pacella, voto 6,5: mai doma. L’attaccante romano si fa vedere, torna in difesa e cerca la via del gol, purtroppo in vano.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui per mettere “Mi piace” a Hockey Italia

gianluca.bruno@olimpiazzurra.com

Foto: CC21

Lascia un commento

Top