Tennistavolo, Mondiali 2015: Italia solita comparsa. Il futuro…

Tennistavolo-foto-fitet-fb.jpg

Mentre i Mondiali 2015 di tennistavolo a Suzhou devono ancora entrare nella loro fase calda, l’Italia ha già perso anche l’ultimo dei “sopravvissuti” nel tabellone principale. E’ questa una triste costante che ormai contraddistingue il movimento pongistico del Bel Paese, limitato al ruolo di comparsa.

Chiariamo subito: gli azzurri in Cina hanno fatto né più né meno di quanto loro richiesto inizialmente. Mihai Bobobica, partito dal tabellone dei 128, ha vinto contro il croato Kolarek e ha raggiunto i trentaduesimi di finale prima di inchinarsi nettamente al forte Tang Peng (Hong Kong), numero 13 del ranking Ittf. Risultato in linea con le aspettative per il miglior italiano, per giunta reduce da cinque mesi di infortunio alla spalla che ne hanno indubbiamente pregiudicato la preparazione. Niagol Stoyanov, in crescita, è uscito nel turno precedente contro lo svedese Karlsson (numero 51), mentre si è ben battuto Marco Rech Daldosso, ko contro il portoghese Joao Monteiro, uno dei campioni d’Europa a squadre in carica. Senza squilli Leonardo Mutti, che fatica a imporre il proprio gioco come tra i giovani, e le due donne al via, Giorgia Piccolin e Debora Vivarelli.

Quale futuro, quindi, per il tennistavolo azzurro? L’avventura di Suzhou dice poco, al limite conferma quanto già fosse evidente. Comunque va ribadito come lottare per una medaglia sarebbe stato pressoché impossibile e fare strada nei vari tabelloni principali (anche di doppio) utopico. C’è però da pensare all’anno prossimo, quando l’Italia maschile affronterà i Mondiali a squadre nella Championship Division, la massima serie. Una promozione raggiunta a maggio 2014 che però è stata subito oscurata dalla retrocessione europea in Challenge (la serie B) dello scorso settembre. Borsino altalenante, dunque, con poche speranze di salvezza contro i big del pianeta. Per quanto riguarda il settore femminile, invece, i fasti di inizio millennio sono ormai uno scialbo ricordo: al ritiro di Wenling Tang Monfardini si è aggiunta la seconda gravidanza di Nikoleta Stefanova. All-in, o quasi, su Giorgia Piccolin, classe 1997. Basterà?

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

 

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: pagina Facebook Fitet

Lascia un commento

Top