Giro d’Italia 2015, le pagelle: Zakarin si prende la tappa attesa, Aru in difficoltà?

Contador-Aru.jpg

Giro di boa per il Giro d’Italia 2015. Tra Forlì e Imola 153 chilometri per l’undicesima tappa che ha premiato, ancora una volta, la fuga della prima ora. Le pagelle della frazione odierna.

ZAKARIN Ilnur, voto 9: tra i più attesi del Giro dopo la vittoria del Romandia, esce dall’anonimato dopo che per 10 tappe era sembrato solo l’ombra del corridore che in salita se la giocava alla pari con Froome e Quintana. Trova la fuga giusta, che arriva al traguardo con il consenso e l’aiuto di un gruppo soporifero, e quando scatta non lascia speranze agli avversari. Il margine sale in maniera costante fin sul traguardo, dove arriva ancora in spinta a dimostrare l’ottima condizione di forma trovata.

BETANCUR Carlos, voto 7,5: come gli altri compagni di fuga si fa sorprendere da Zakarin, ma la sensazione è che il russo ne avesse di più. La condizione è in crescita e Betancur è già alla terza fuga di questo Giro. L’obiettivo è, chiaramente, una vittoria di tappa e se dovesse continuare così nell’ultima settimana potrebbe trovare terreno adatto. E anche il finale di domani, in teoria, può sposarsi bene con le sue caratteristiche.

PELLIZOTTI Franco, voto 7: anche lui è in crescita, chiude sul terzo gradino del podio. Il suo Giro è appena iniziato.

HESJEDAL Ryder, voto 6,5: sta cercando in tutti i modi di rientrare in classifica, ma i 9” recuperati oggi sul gruppo non sono neanche lontanamente sufficiente per riuscire nell’obiettivo. Tanto sforzo per un risultato marginale.

GILBERT Philippe, voto 6: anticipa il gruppo, ma nelle tornate precedenti era sembrato tanto in difficoltà da costringere la BMC ad interrompere l’inseguimento ai fuggitivi quando ormai sembravano nel mirino. Domani una nuova possibilità di successo ma non sembra il miglior Gilbert.

LOBATO Juan José, voto 6,5: vince con mezza gamba la volata del gruppo. Avesse messo davanti la squadra, probabilmente, avrebbe conquistato la vittoria di tappa che gli era sfuggita a Fiuggi. Ha perso un’occasione importante per alzare le braccia al cielo.

CONTADOR Alberto, voto 7,5: altra tappa gestita alla perfezione. Punzecchia gli avversari con uno scatto secco sull’ultima salita e ne trae spunti interessanti. Il campione si vede anche da queste piccole cose. E l’infortunio alla spalla sembra essere sempre più lontano.

ARU Fabio, voto 5,5: forse a causa del freddo e della pioggia oggi il sardo ha lanciato il primo segnale negativo del Giro. Sembrava già al limite quando mancavano 50 chilometri al traguardo e non riesce a rispondere all’attacco di Contador, scivolando mestamente nella pancia del gruppo. Un passo falso, ma domani è un altro giorno. Certo, ci si attende una risposta forte da parte sua.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Twitter: Santo_Gianluca

Foto: Pagina Facebook Giro d’Italia

Lascia un commento

Top