Giro d’Italia 2015: Mortirolo e Finestre, le salite mitiche

tappa16.jpg

Due salite del Giro d’Italia 2015 attirano le attenzioni degli appassionati in misura maggiore rispetto a tutte le altre: senza nulla togliere all’Abetone, a Madonna di Campiglio, a Cervinia o a Sestriere, il Passo del Mortirolo e il Colle delle Finestre offriranno impareggiabili spettacoli.

Si tratta di due salite dal curriculum molto diverso: quella valtellinese è stata affrontata per la prima volta nel 1990, quella piemontese solamente nel 2005 e, a maggio, vedrà soltanto il suo terzo passaggio della carovana rosa. In comune, però, hanno una durezza estrema, che le rende senza se e senza ma le più impegnative del Giro d’Italia 2015: certo non sono traguardi di tappa, ma risulteranno fondamentali sia per le rispettive frazioni, sia ovviamente per la classifica generale.

Il Mortirolo interesserà i corridori il 26 maggio, nella Pinzolo-Aprica di 177 km, sedicesima tappa. Carlo Magno, Tonale e un primo passaggio sull’Aprica scalderanno le gambe per uno dei mostri sacri del ciclismo affrontato ancora una volta dal versante di Mazzo: qui il pellegrinaggio dei cicloamatori è incessante, persino più frequente che allo Stelvio dove è l’altitudine ad attrarre più delle pendenze. Già, perché nell’infuocata e stretta lingua d’asfalto che i corridori dovranno affrontare si toccheranno picchi incredibili, come un 18% di pendenza dopo la chiesa di San Matteo. In totale, 11.8 km al 10.9% di pendenza media: rileggetevi quest’ultimo dato e capirete perché il Mortirolo, nomen omen, spaventa a morte.

Il Finestre verrà dato in pasto il penultimo giorno, lungo i 199 km da Saint-Vincent a Sestriere. Prima, solo pianura: quindi, ecco 18.5 km naso all’insù, di cui 7.8 in sterrato, e questa è senza dubbio la caratteristica che fa più male. Più ancora del 9.2% di pendenza media e del 14% di pendenza massima, dati di per sé già dolorosissimi. Si scollina a 28 km dal traguardo, poi discesa e risalita su Sestriere: ricordiamo un percorso simile nel 2005, col successo parziale di José Rujano e il timbro sul Giro di Paolo Savoldelli. Emozioni indescrivibili, che speriamo di rivivere anche il 30 maggio.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

marco.regazzoni@olimpiazzurra.com

Tag

Lascia un commento

Top