Seguici su

Roland Garros

Monaco dà un consiglio a Sinner: “Eviti le smorfie come faceva Federer. Se Musetti batte Monfils…”

Pubblicato

il

Jannik Sinner
Jannik Sinner - Lapresse

Nuova giornata, purtroppo povera di partite, al Roland Garros causa pioggia. In scena però Jannik Sinner che vince ancora e vola al terzo turno così come Carlos Alcaraz. A parlarne Guido Monaco nel consueto appuntamento di TennisMania.

Su Jannik Sinner ed il suo stato di forma: “Io consiglierei a Sinner da oggi in poi di fare come ha fatto Federer in gran parte della carriera: ogni volta che c’è un piccolo problema fisico, di non fare la minima smorfia perché c’è un’attenzione abbastanza morbosa su quest’aspetto che poi si dà adito a tante cose, a un’impressione di essere più fragile di quello che si è. Ogni giocatore gestisce il dolore a modo suo, lui ha la capacità di mascherarlo”. 

La partita di ieri: “Gasquet ha giocato un ottimo primo set, giocando più aggressivo del solito, ma dà il tempo a Sinner che ha lasciato andare anche dei colpi impressionanti. Il servizio non è stato con percentuali pazzesche, ma ha gestito tutto molto bene. Se dopo il primo turno si poteva avere ancora qualche dubbio, Sinner è un giocatore recuperato con un tabellone che gli può consentire di andare in crescendo”. 

Guardando invece a Carlos Alcaraz: “La partita di Alcaraz era diventata impossibile da leggere perché non aveva più nessuna regola a livello di servizi. Nei primi due set, con un avversario che ha fatto un figurone, con delle idee. Ma quando Alcaraz attaccava si apriva una voragine di differenza. Nei primi due set hanno giocato scambi molto belli e si è divertito molto. Sembrava il solito Alcaraz un po’ giocherellone che ci poteva stare in una situazione come questa. Nel terzo e nel quarto set non si rideva più tanto. Ha avuto un momento che se De Jong avesse avuto un po’ più di energie o concretezza la partita si sarebbe complicata tantissimo. Alcaraz giocava un punto bene e due errori, non riusciva a dare continuità. Ha talmente tante soluzioni che ne è venuto fuori quasi in controllo. Ma in alcuni momenti sono abbastanza convinto che ha iniziato ad aver paura contro un avversario che è stato al massimo 135 al mondo. Non puoi gestire una partita così, è un po’ esagerato, poi quando arrivano i Sinner o i calibri grossi non ce la fai. Gli manca un po’ di ritmo partita, ma deve sforzarsi a giocare un po’ più concreto per ritrovarlo. Un approccio un po’ pericoloso”. 

Occhio alla sessione serale: “Ho una sensazione che Musetti ha un’occasione enorme di andare ai quarti di finale. Se stasera Musetti batte Monfils nella sessione serale, probabilmente proveranno a fare dei sorteggi per far evitare ai francesi gli italiani. La presenza di Corrado Barazzutti serve per impedirgli quel tipo di atteggiamento, è uno che è riuscito a tenere buono Fognini in Coppa Davis. Tartarini ha individuato in lui la persona giusta perché lui non riesce da quel punto di vista ad incidere”. 

LA PUNTATA COMPLETA DI TENNISMANIA