Seguici su

Atletica

Atletica, la mina vagante Zaynab Dosso ai Mondiali indoor. La medaglia nei 60 metri non è fuori portata

Pubblicato

il

Zaynab Dosso
Dosso / Lapresse

I Campionati Mondiali indoor 2024 di atletica leggera sono ormai alle porte, con la Emirates Arena di Glasgow che si appresta ad ospitare il primo grande evento internazionale della stagione con in palio le medaglie da venerdì 1 a domenica 3 marzo. In casa Italia una delle atlete più attese della manifestazione è sicuramente Zaynab Dosso, reduce da un inverno strepitoso in cui ha abbassato per ben tre volte il suo record nazionale dei 60 metri.

La 24enne emiliana si presenta dunque in Scozia con il terzo miglior crono stagionale d’ingresso (il 7.02 firmato lo scorso 6 febbraio a Torun) e può ambire come minimo all’accesso in finale, traguardo mai raggiunto in passato da una donna italiana nello sprint ai Mondiali in sala, per poi giocarsi qualcosa di importante anche in ottica medaglie.

Per salire sul podio sarà necessario probabilmente correre attorno al suo attuale primato personale, mentre la medaglia d’oro verrà forse assegnata sotto la barriera dei 7 secondi. Tra le iscritte alla gara iridata, l’unica ad esserci riuscita sin qui nel 2024 è la rappresentante di St. Lucia Julien Alfred (6.99 e leader stagionale), mentre l’altra grande favorita per il titolo è la polacca Ewa Swoboda.

Dosso dovrà poi vedersela anche con le americane Aleia Hobbs, Mikiah Brisco, Celera Barnes e Tamara Clark, la lussemburghese Patrizia Van der Weken e le giamaicane Shashalee Forbes, Briana Williams e Tina Clayton.