Seguici su

Senza categoria

WTA Angers 2023, Elisabetta Cocciaretto supera il primo turno e risale nel ranking

Pubblicato

il

Elisabetta Cocciaretto

Elisabetta Cocciaretto, testa di serie numero 1 degli Open Angers Arena Loire, ha vinto all’esordio nel torneo di categoria WTA 125 in corso ad Angers, in Francia, sul veloce indoor: l’azzurra ha battuto la svizzera Susan Bandecchi con lo score di 6-1 3-6 6-1 in un’ora e 52 minuti.

Cocciaretto risale così al 47° posto virtuale del ranking WTA e potrà continuare la propria scalata nel prosieguo del torneo: al secondo turno sfida alla vincente del match tra l’elvetica Celine Naef e la qualificata transalpina Emeline Dartron.

Nel primo set l’azzurra inizia bene e nel secondo game strappa la battuta a trenta all’avversaria. Cancellate due opportunità per l’immediato controbreak, Cocciaretto si salva e poi ai vantaggi strappa ancora il servizio a Bandecchi. L’azzurra, invece tiene la battuta e vola sul 5-0, andando poi a chiudere la prima frazione sul 6-1 in 35′.

Sinner agli Australian Open senza tornei di preparazione: stessa scelta di Alcaraz e Medvedev, Djokovic in United Cup

Nella seconda partita Cocciaretto non sfrutta un break point nel quinto game, poi nel sesto cede la battuta a zero. L’azzurra trova l’immediato controbreak, ma nell’ottavo gioco perde ancora il servizio a trenta. L’elvetica, invece tiene la battuta a quindici e chiude sul 6-3 dopo 43 minuti di gioco.

Nella frazione decisiva l’azzurra dall’1-1 vince cinque giochi di fila andando a chiudere il match: Cocciaretto trova il break ai vantaggi del quarto game e poi ne conquista un secondo a zero nel sesto gioco. La tennista italiana vince gli ultimi dieci punti dell’incontro e chiude sul 6-1 dopo 34′.

Le statistiche premiano l’italiana, che vince 84 punti contro i 65 dell’elvetica, convertendo 5 delle 8 palle break avute e cancellandone 2 delle 4 concesse alla svizzera. Cocciaretto, mettendo in campo il 67% di prime, ottiene il punto nel 74% dei casi sulla prima e nel 52% sulla seconda, facendo sempre meglio di Bandecchi.

Foto: LaPresse