Seguici su

Senza categoria

Tennis, Jannik Sinner spicca tra gli attuali top-10 nel 2023: il ranking parla chiaro

Pubblicato

il

Jannik Sinner ATP Finals

Jannik Sinner ha concluso in maniera trionfale il 2023. La vittoria della Coppa Davis è stato il suggello di un’annata nella quale, da settembre in poi, il rendimento dell’altoatesino è salito in maniera importante. Non è un caso che siano arrivati le vittorie negli ATP500 di Pechino e di Vienna e il raggiungimento della Finale nel Master di fine anno a Torino, oltre alla Davis. Un percorso nel quale sono stati sfatati i tabù di Daniil Medvedev (battuto in tre circostanze), di Novak Djokovic (sconfitto due volte) e di Holger Rune (superato a Torino).

Riscontri che hanno permesso a Sinner di salire in classifica generale fino al quarto posto mondiale e di concludere l’anno in questa maniera, cosa che non era mai accaduta con altri tennisti italiani. Adriano Panatta, infatti, nel 1976 seppe spingersi sempre al n.4, ma dopo la vittoria di Roma e di Parigi, ma concluse poi quell’annata da n.7.

Questo dato chiaramente è da sottolineare, oltre ad altri di cui tanto si è parlato:

  • 64 vittorie in 79 incontri disputati;
  • 10 top-10 sconfitti su 15 match affrontati;
  • Avere un rendimento, a parte che contro Alexander Zverev, in pari o in positivo negli scontri diretti con tutti gli attuali top-10 nel 2023.

A queste statistiche, se ne aggiungiamo delle altre, a rappresentazione dei grandi miglioramenti compiuti dal tennista italiano. Nei fatti, Sinner è stato il giocatore, tra gli attuali top-10, ad aver guadagnato più posizioni in classifica. Sono stati ben 11 i posti scalati, rispetto ai 5 di Zverev e ai 4 di Djokovic. Una cartina di tornasole rispetto a quanto è accaduto nel 2023.

TENNISTI CON PIÙ POSIZIONI GUADAGNATE NELL’ULTIMO ANNO

Jannik Sinner +11 (da 15° a 4°)
Alexander Zverev +5 (da 12° a 7°)
Novak Djokovic +4 (da 5° a 1°)
Daniil Medvedev +4 (da 7° a 3°)
Andrey Rublev +3 (da 8° a 5°
Holger Rune +3 (da 11° a 8°)
Hubert Hurkacz +1 (da 10° a 9°)

Foto: LaPresse