Seguici su

Pattinaggio Artistico

Pattinaggio artistico, Kamila Valieva aspetta la sentenza: “Voglio sapere il responso, è spiacevole non capire cosa ti riserverà il futuro”

Pubblicato

il

Kamila Valieva torna a parlare. La stella del pattinaggio artistico russo, in attesa di scoprire il responso della sentenza sul controverso caso di doping che la riguarda, ha concesso una lunga intervista alla testata locale sport.ru, svelando le sue sensazioni a quasi due anni di distanza dalle Olimpiadi 2022, evento dove è emersa la notizia del suo test fallito in occasione dei Campionati Nazionali

Ancora oggi la percepisco come la più grande ingiustizia che mi sia capitata – ha detto la pattinatrice dopo aver conquistato un’ottima terza posizione ai Campionati Russi, posizionandosi alle spalle di Adelia Petrosyan e Sofia Muravieva – All’inizio è stato molto difficile. Ora è emersa la forza interiore per gestire la situazione con più calma, anche se continua a riportarmi indietro“.

La nativa di Kazan si è poi detta impaziente di conoscere la sentenza, manifestando una certa insofferenza riguardo i continui rinvii che hanno caratterizzato le udienze: “Quante volte è stato rinviata, voglio sapere il risultato. Vivere in sospeso è la cosa peggiore. Quando non capisci cosa riserva il futuro, è molto spiacevole“.

Pattinaggio artistico: a Pinerolo la rinascita del movimento femminile. Personalità interessanti in ottica Milano Cortina 2026

In ultimo Valieva ha speso parole di lode verso la propria mentore, Eteri Tutberidze: “Eteri Georgievna incarna la resilienza del carattere e la fiducia in se stessi. Sa come affrontare le situazioni con sangue freddo. Vorrei possedere queste qualità perché a volte percepisco tutto in modo eccessivamente emotivo. Eteri Georgievna e tutto il suo team sono le persone che mi hanno portato al top. Senza di loro, forse non ci sarebbe stata la pattinatrice che sono diventata”.

Foto: LaPresse