Seguici su

Nuoto

Nuoto, le avversarie di Benedetta Pilato nella finale dei 100 rana: il pericolo principale è una giovanissima estone

Pubblicato

il

Benedetta Pilato

Domani, poco dopo le 17.00 italiane, Benedetta Pilato affronterà la Finale dei 100 rana donne degli Europei 2023 di nuoto in vasca corta. A Otopeni (Romania), l’azzurra andrà a caccia delle medaglie, cercando di proseguire nella tradizione favorevole che il Bel Paese ha nella specialità, citando il successo di Martina Carraro di due anni fa a Kazan (Russia) nella piscina da 25 metri continentale.

Carraro che sarà sui blocchi di partenza anche di questa gara, ma non nella stessa condizione. Spetterà a Benny contrastare l’incedere di avversarie qualificate. Il riferimento è all’olandese Tes Schouten (1:04.02), all’estone Eneli Jefimova (1:04.03) e alla svedese Sophie Hansson (1:04.07). La classe 2005 nostrana ha nuotato in semifinale in 1:04.45, commettendo alcuni errori in virata e non massimizzando la prestazione.

Per contrastare queste rivali non saranno ammessi sbagli e Pilato dovrà essere brava a rilanciare la sua azione soprattutto negli ultimi 25 metri. Fa paura, in questo senso, Jefimova, di un anno più giovane di Benedetta e già in evidenza nel corso degli Europei e dei Mondiali giovanili. Non è un caso che l’atleta in questione a livello juniores abbia ottenuto 6 ori, 2 argenti e 1 bronzo in Europa e 1 oro, 1 argento e 1 bronzo nella manifestazione iridata.

Un’atleta che sembra avere le credenziali più importanti per conquistare il titolo, ma se l’azzurra dovesse trovare una nuotata degna del suo primato italiano di 1:03.55 del 2020 allora le prospettive potrebbero essere interessanti.

Foto: LaPresse