Seguici su

Nuoto

Nuoto, Cesare Butini alla vigilia degli Europei in corta: “Difficile ripetere i numeri di Kazan, mi aspetto risposte dai giovani”

Pubblicato

il

Il lungo percorso di avvicinamento verso i Giochi Olimpici di Parigi 2024 prosegue questa settimana con i Campionati Europei di nuoto in vasca corta 2023, in programma ad Otopeni da martedì 5 a lunedì 11 dicembre. La piscina rumena dell’Aquatics Complex si appresta ad ospitare dunque la 22ma edizione della rassegna continentale in vasca da 25 metri.

Dopo i recenti Assoluti in vasca lunga di Riccione, l’Italia si presenta a quest’appuntamento con grandi ambizioni grazie alla partecipazione di tutti i big ad eccezione di Gregorio Paltrinieri. Da segnalare però anche l’assenza per infortunio di Sara Franceschi, primatista nazionale sui 200 misti, mentre Lisa Angiolini ha dovuto dare forfait in extremis per un malanno. Nell’ultima edizione di Kazan 2021 il Bel Paese aveva conquistato 7 ori, 18 argenti e 13 bronzi, collocandosi al terzo posto nel medagliere.

Neanche il tempo di respirare che dagli Assoluti di Riccione in vasca lunga si passa agli Europei in vasca corta di Otopeni. E’ l’appuntamento che a tutti gli effetti chiude il 2023: ci presentiamo con la voglia di far bene, sarà difficile ripetere i numeri di Kazan, seppur con una nazionale ridotta di qualche unità, perché abbiamo dovuto chiudere le iscrizioni un po’ prima rispetto al solito“, dichiara Cesare Butini alla vigilia delle prime gare.

Nuoto, le speranze di medaglia dell’Italia agli Europei in vasca corta: obiettivo primo posto nel medagliere?

Dispiace per il forfait dell’ultimo momento di Lisa Angiolini, ma purtroppo è stata fermata da un malanno di stagione. Sono convinto, comunque, che anche ad Otopeni faremo bene e ci divertiremo: in genere è più facile passare dalla vasca lunga a quella corta, che viceversa. Mi aspetto risposte dai giovani che per la prima volta si presentano a un appuntamento internazionale di questo livello“, aggiunge il direttore tecnico azzurro al sito federale.

Foto: Lapresse