Seguici su

MotoGP

MotoGP, Domenicali: “Marquez ci farà crescere ancora e lotterà per il Mondiale, ma io scelgo Bagnaia…”

Pubblicato

il

Dopo la lunga rincorsa al titolo mondiale MotoGP conclusa nel 2022 con il sofferto trionfo di Francesco Bagnaia, quest’anno Ducati ha alzato ulteriormente l’asticella dominando in lungo e in largo la classe regina del Motomondiale. Monopolizzato il podio del campionato piloti, la casa di Borgo Panigale si è imposta in 17 Gran Premi su 20 firmando una lunga serie di primati strepitosi.

Una superiorità tecnica che ha convinto l’otto volte iridato Marc Marquez a lasciare la Honda per passare al Team Gresini per guidare una Desmosedici GP23 nella prossima stagione. Claudio Domenicali, amministratore delegato Ducati, ha parlato di questo e di tanto altro in un’intervista concessa a Repubblica: “Marc ci farà crescere ancora: gli altri 7 nostri campioni hanno cominciato a studiare il modo in cui guida. Sarà uno stimolo, un esempio. Diventeranno tutti migliori. Avremo maggiore competizione interna, si complicherà la corsa al Mondiale dei nostri avversari. Quest’anno Martin ha imparato tanto da Bagnaia, Pecco farà lo stesso con Marquez. Si continuerà ad alzare il livello, avete visto Di Giannantonio? 6 ducatisti su 8 hanno vinto almeno un GP quest’anno“.

Sulla possibilità di migliorare ulteriormente i record stabiliti nel 2023:Sembra impossibile. Ma ci proviamo. I nostri avversari hanno chiesto di cambiare le regole dal prossimo anno, altrimenti per loro siamo troppo forti. L’organizzatore li ha accontentati. Nessun problema, anzi: per noi è la migliore delle campagne di marketing“.

MotoGP, la Trackhouse Racing sostituisce la RNF: nuovo team satellite di Aprilia nel 2024

Messo alle corde e chiamato ad indicare il suo pilota Ducati preferito, Domenicali non ha avuto dubbi:Scelgo Pecco. È italiano, corre nella squadra ufficiale e con lui c’è una particolare empatia. Però Marc è un campionissimo, se sarà così bravo da meritarsi il titolo saremo contenti. Di sicuro lotterà fino all’ultimo per il Mondiale. Abbiamo fatto simulazioni quasi scientifiche, confrontando il suo rendimento con quello del fratello Alex, che ha corso nella sua squadra attuale. Ma non dirò i risultati neppure sotto tortura“.

Sull’ingegner Gigi Dall’Igna:Nel suo settore è una star. Siamo molto allineati: spero resti per sempre con noi, ma non escludo che un giorno Honda possa fargli una mega offerta. Però neppure Gigi conosce tutti i segreti della formula magica Ducati: ce ne sono alcuni ben inchiodati al pavimento di Borgo Panigale. La formula vincente della Ducati è come quella della Coca-Cola: segreta. In azienda, ognuno conosce solo una parte della ricetta. Nessuno però sa tutti gli ingredienti“.

Foto: Lapresse