Seguici su

Basket

Basket: Ettore Messina tra i candidati per entrare nella Hall of Fame di Springfield

Pubblicato

il

C’è anche il nome di Ettore Messina tra i candidati a entrare nella Naismith Basketball Hall of Fame. Quella vera, di Springfield, dove ci sono tutti i nomi più grandi della palla a spicchi. Per l’attuale allenatore dell’Olimpia Milano saranno due i giorni del giudizio: 16 febbraio, quando a Indianapolis il Comitato d’Onore determinerà i finalisti, e il 6 aprile, quando a Phoenix sarà svelata la Class of 2024.

La lista dei candidati è davvero lunga e divisa in varie categorie. Ad esempio, nelle North American Nominees troviamo il Redeem Team USA di Pechino 2008, Bill Laimbeer, Chaunchey Billups, Vince Carter, Shawn Marion e Michael Cooper per citare i più noti, ma ci sono anche parecchi coach e arbitri. Nelle nomination femminili si trova anche Seimone Augustus, mentre tra i contributors vi sono Doug Collins, Donnie Walsh e Mike Fratello.

Basket, Ettore Messina: “Non vedo questa partita come un passo indietro. Sottolineo la prova di Flaccadori”

La categoria di Messina, quella degli internazionali, è molto ricca: in fatto di coach vi si trovano anche David Blatt e Ranko Zeravica, mentre tra i giocatori il parterre de roi è davvero di primo piano: Juan Carlos Navarro, Andres Nocioni, Mirza Delibasic, Fabricio Oberto, Jorge Garbajosa, Andrew Gaze, Panagiotis Giannakis, Dusan Ivkovic e Andrei Kirilenko. Ma ci sono anche un paio di presenze femminili importanti, quelle di Penny Taylor e Amaya Valdemoro.

A proposito di donne, c’è anche la sezione delle veterane, che passa da Hazel e Valerie Walker al team delle Final Four NCAA 1982 di Chevney State. Tra i veterani in senso assoluto, invece, fanno la propria comparsa due team olimpici americani dai destini molto diversi: quello del 1936, l’anno della prima volta del basket alle Olimpiadi, e quello del 1972, la cui storia è ben nota con i controversi tre secondi finali contro l’Unione Sovietica.

Credit: Ciamillo