Seguici su

Senza categoria

Golf, PGA Tour: Aberg davanti a tutti all’RSM Classic a diciotto buche dalla fine

Pubblicato

il

Ludvig Aberg

Ludvig Aberg non molla la testa del The RSM Classic 2023, ultimo torneo stagionale del PGA Tour. Lo svedese guarda ancora tutti dall’alto dopo una giornata in cui gli score bassi e i tanti birdie hanno fatto da padroni. Lo svedese comanda con il suo complessivo -20 e dopo due giri in cui la classifica è stata cortissima il terzo giro è servito a sgranare i golfisti con uno degli eroi di Ryder Cup che oggi andrà a caccia del primo titolo sul circuito americano.

Aberg è stato autore di un magnifico giro bogey free con la sua carta che segna sette birdie e un eagle per un totale di -9. Il classe 1999 dopo aver guadagnato un colpo alla 5, alla 7 e alla 9 si è letteralmente scatenato nel finale di giro trovando in cinque buche una sequenza di quattro birdie intervallati da un eagle al par 5 della 15. Uno scatenato svedese è anche andato veramente ad un passo  dalla hole in one alla 17, quando il suo tee shot si è fermato a pochi inches dal rotolare direttamente in buca.

Insegue Aberg da vicino lo statunitense Eric Cole che con il -19 è ad un solo colpo dal leader. Cole è stato autore a sua volta di un magnifico 61 che gli permette di tenere a tiro la prima posizione dopo i diversi piazzamenti importanti colti negli ultimi mesi. In Georgia però quello dei primi due non è stato il miglior giro di giornata perché sempre nella stessa partita era presente il canadese Mackenzie Hughes (-18) che sul green sulla 18 ha sbagliato il putt per il 59 dovendosi accontentare di un 60 frutto di otto birdie e un eagle al solito par 5 della 15 (nettamente la buca più facile del campo).

Sul percorso par 70 del Sea Island Golf Club in quarta posizione a -17 c’è lo statunitense Tyler Duncan, il terzo dei primi quattro che nell’ultimo giro andrà a caccia della prima vittoria sul Tour. Poi c’è un piccolo buco e bisogna scendere a -15 per trovare Sam Ryder, mentre in sesta posizione a -14 ci sono gli americani Greyson Sigg e Denny McCarthy. Chiude la top-10 in ottava posizione con -13 un folto gruppo di giocatori formato da Kevin Tway, Ryan Moore, Alex Noren, Vince Whaley. Matt NeSmith, Robert Streb, Peter Kuest e Austin Eckroat. Ci attende ora un ultimo giro ad alta tensione per chiudere una stagione lunga ed estenuante prima di pensare ad un 2024 con grandi cambiamenti.

Foto: LaPresse