Seguici su

Tennis

ATP Finals 2023, Puppo: “Tsitsipas è un bambino. Sinner è stato superiore a Djokovic di rovescio”

Pubblicato

il

Jannik Sinner

Nuova puntata di TennisMania, trasmissione condotta da Dario Puppo (giornalista e telecronista Eurosport) e visibile su Sport2U, web tv di OA Sport, che ha visto un lungo approfondimento sull’ultima giornata delle ATP Finals 2023 e soprattutto sull’epica vittoria di Jannik Sinner contro il numero 1 al mondo Novak Djokovic al tie-break del terzo set dopo tre ore di battaglia.

In apertura però c’è stato spazio per il caso Tsitsipas, con il ritiro del greco per infortunio dopo soli tre game contro Holger Rune: “Quello che è successo con Tsitsipas è stato vergognoso. Non capisco perché ci debba essere questa ipocrisia da parte di chi conosce benissimo lo sport nel dire ‘beh, neanche il beneficio del dubbio?’. Ma quale beneficio del dubbio? Smettiamola con questa ipocrisia. Lui non doveva trovarsi in quella situazione e non può rovinare la festa con quell’atteggiamento da bambino. Quando capitano queste situazioni che sembrano remare contro, si creano delle premesse negative ed invece Jannik è qualcosa di pazzesco“.

Puppo ha poi parlato del n.4 ATP, facendo anche dei paragoni interessanti:Per caratteristiche e provenienza da quella valle stupenda, con i genitori sempre impegnati a lavorare al Rifugio Fondovalle in Val Fiscalina, da cui si passa per andare alle Tre Cime di Lavaredo, è difficile immaginare Sinner come Tomba o Valentino Rossi, ma magari potrebbe diventarlo o forse lo è già in qualche modo. È stato in grado di aprirsi un varco nel cuore degli appassionati. Ha un carattere diverso dal tipico sportivo italiano un po’ guascone, ma il pubblico ieri sera era letteralmente rapito da questo match. Siamo all’inizio, quindi fare certi paragoni non è facile, ma io mi sono permesso di raccontare come ci sia questo incrocio al contrario con Tomba, che passa da Milano proprio come Jannik che vinse al PalaLido nel 2019 le Next Gen Finals. Quello che poteva essere uno sciatore è diventato un grande tennista, e quello che poteva essere anche un tennista (perché Tomba è un grande appassionato e gioca bene) dalle colline bolognesi è andato a sfidare il mondo della montagna con gli sci ai piedi e lo ha fatto alla grande”.

Sul clima del Pala Alpitour durante il big match tra Sinner e Djokovic: L’atmosfera è stata semplicemente straordinaria, forse perché il pubblico di Torino è diverso da quello di Roma. Gli Internazionali sono diversi dalle Finals, già per il fatto di essere in un palazzetto al chiuso. Djokovic all’inizio non ha voluto cominciare a coinvolgere il pubblico, ma a un certo punto ha capito che poteva diventare una soluzione ed è stato molto provocatorio in varie occasioni ieri”.

Il telecronista di Eurosport ha poi proseguito: “Come ha alzato il livello nel terzo set Sinner è stato impressionante. Io sono rimasto incantato dal rovescio. Mi viene in mente quando a 13 anni palleggiò con Seppi e lo mise in difficoltà sulla diagonale del rovescio. Ieri Sinner, contro uno dei rovesci più forti della storia, è stato superiore. Col dritto soprattutto all’inizio e a un certo punto nel secondo set non colpiva con la fluidità di cui è capace, inoltre anche il servizio non lo ha aiutato sempre. Comunque ha concesso un solo break a Djokovic e reagire in quella maniera dopo aver perso il tie-break del secondo è da grandi campioni. Adesso si possono tirare fuori tutti i numeri che si vogliono: dagli US Open ha perso una sola partita su 16, ha fermato una striscia di 19 successi di Djokovic e ha battuto due numeri 1 del mondo diversi nella stessa stagione“.

Sulle prospettive dell’azzurro in vista dell’ultima giornata del round robin: “Guardando avanti però non è facile. A questo punto Sinner può vincere il girone ma anche non qualificarsi, esiste una possibilità. Vincendo un set con Rune si mette abbastanza al riparo, ma non deve ragionare in questo modo. È difficile avere il giusto approccio a questo torneo dal punto di vista mentale, soprattutto per un giovane che non è abituato. Ieri non era il Djokovic che ho visto contro Rune, perché ha fatto qualche errorino di troppo. Sinner invece sta sbagliando sempre meno, anche con lo smash è molto più sicuro. Rune invece ha potuto gestire tranquillamente la giornata di ieri per colpa di un irresponsabile Tsitsipas”.

Di seguito il VIDEO con la puntata integrale di TennisMania

VIDEO: LA PUNTATA COMPLETA DI TENNIS MANIA

Foto: Lapresse