Seguici su

Ciclismo

Giro dell’Emilia 2023: il percorso ai raggi X. Una salita inedita prima delle cinque scalate del San Luca

Pubblicato

il

Sabato 30 ottobre si terrà l’edizione numero 106 del Giro dell’Emilia, una delle corse più prestigiose del calendario italiano del ciclismo su strada. Una vera e propria classica che, pur non essendo parte del circuito World Tour, non ha assolutamente niente da invidiare per storia, percorso e lista di partecipanti, alle corse più prestigiose della stagione. Andiamo dunque ad analizzare il disegno dell’edizione di quest’anno.

Si parte da Piazza dei Martiri a Carpi per arrivare sull’iconico traguardo del Santuario della Madonna di San Luca a Bologna dopo 204.1 km. Il via ufficiale sarà dato poco fuori Carpi, in località Limidi, e per i primi 60 km la strada sarà sostanzialmente pianeggiante. Superato il comune di Marano sul Panaro la strada inizierà a salire verso la prima salita di giornata.

L’ascesa che porterà al primo GPM, posto nel centro di Samone (km 78,6), misura poco meno di 6 km, con una pendenza media del 6,7%. Seguirà un tratto di strappi e saliscendi che passerà per Zocca e per Tolé prima di una ripida discesa fino a Pilastrino. Da lì svolta secca a sinistra e si affronta un anello di 15,6 km, caratterizzato dalla salita del Monte Nonascoso, una salita inedita per il grande ciclismo. Complessivamente misura 6,1 km con pendenza media del 7,1% ma gli ultimi 2 km prima dello scollinamento, rasentano il 9% di pendenza media, con alcuni tratti vicini al 15%.

Si ripercorrerà la discesa verso Pilastrino per poi iniziare l’avvicinamento a Bologna. La strada sarà tutta in lieve discesa fino alla periferia del capoluogo poi, al km 165 partirà la prima delle cinque ascese verso il Santuario di San Luca. L’ascesa parte transitando sotto l’Arco del Meloncello e sale per 2,1 km al 9,4% di pendenza media. Una salita iconica per durezza e per bellezza, con il famoso portico che accompagnerà i corridori sul lato destro della strada. Passaggio sulla linea del traguardo, breve discesa ed altro strappo di 1200 metri per poi scendere e ricominciare il circuito, fino al quinto e decisivo passaggio.

Foto: LaPresse