Seguici su

Senza categoria

Atletica, Diamond League: Tamberi-Barshim da favola, Kerley perde, Rojas world lead, Ingebrigtsen record europeo

Pubblicato

il

Jakob Ingebrigtsen

A Chorzow (Polonia) è andata in scena l’ottava tappa della Diamond League, il massimo circuito internazionale di atletica leggera. L’Italia ha sognato in grande con un superlativo Gianmarco Tamberi (secondo nel salto in alto), mentre Leonardo Fabbri è parso un po’ sottotono (ottavo nel getto del peso) ed Elena Bellò ha siglato lo stagionale sugli 800 metri.

RISULTATI DIAMOND LEAGUE ATLETICA A CHORZOW

100 METRI (MASCHILE) – Fred Kerley ha perso dopo oltre un anno di imbattibilità. Il Campione del Mondo dei 100 metri è stato sconfitto dal sudafricano Akani Simbine, capace di imporsi in 9.97 appena davanti all’americano (9.98) e al camerunense Emmanuel Eseme (9.98).

100 METRI (FEMMINILE) – C’era grandissima attesa per il super duello tra Sha’Carri Richardson e Shericka Jackson. La statunitense ha vinto in 10.76 (0,2 m/s di vento a favore), battendo di due centesimi la giamaicana. La polacca Ewa Swoboda è terza in 10.94.

SALTO IN ALTO (MASCHILE) – Il duello tra Gianmarco Tamberi e Mutaz Essa Barshim è la cartolina di giornata. L’azzurro supera 2.34 alla seconda e ha la vittoria in tasca visti i due errori del qatarino, che però passa a 2.36 e valica l’asticella con l’unica prova a disposizione vincendo la gara davanti all’azzurro. Testa a testa superbo tra Campioni Olimpici.

SALTO TRIPLO (FEMMINILE) – Yulimar Rojas non delude mai quando si presenta in pedana e firma la miglior prestazione mondiale stagionale: 15.18 metri per la dominatrice assoluta della specialità, che ritocca di un paio di centimetri quanto fatto undici giorni fa a San Salvador. Alle sue spalle si sono piazzate l’ucraina Maryna Bekh-Romanchuk (14.70) e la cubana Leyanis Perez Hernandez (14.67).

1500 METRI (MASCHILE) – Jakob Ingebrigtsen ha firmato il nuovo record europeo, nonchè miglior prestazione mondiale stagionale. Il norvegese si è imposto in 3:27.14, distaccanto i keniani Abel Kipsang (3:29.11) e Reynold Cheruiyot (3:30.30).

SALTO CON L’ASTA (MASCHILE) – Armand Duplantis è stato trascinato a 6.01 metri da Sam Kendricks. Lo svedese ha superato la quota al primo tentativo, lo statunitense ha commesso tre nulli e così il Campione Olimpico e del Mondo ha vinto. Il primatista mondiale ha poi fatto alzare l’asticella a 6.13 metri per migliorare la già sua migliore prestazione mondiale stagionale, non riuscendo però nell’intento.

TIRO DEL GIAVELLOTTO (FEMMINILE) – La giapponese Haruka Kitaguchi ha vinto con la miglior prestazione mondiale stagionale (67.04 metri, record nazionale), liquidando così l’australiana Mackenzie Little (64.50) e la neozelandese Tori Peeters (62.73).

GETTO DEL PESO (MASCHILE) – Tutto facile per Ryan Crouser, che da primatista mondiale si è imposto grazie a una sassata da 22.55 metri. Il Campione Olimpico ha battuto il connazionale Payton Otterdahl (21.88) e il neozelandese Tom Walsh (21.78). Il nostro Leonardo Fabbri è apparso sottotono e si è fermato in ottava piazza (20.21).

100 OSTACOLI – La nigeriana Tobi Amusan non sbaglia un colpo. La Campionessa del Mondo ha trionfato in 12.34 al termine di una splendida sfida con le statunitensi Kendra Harrison (12.35) e Nia Ali (12.38).

400 METRI (MASCHILE) – Il sudafricano Wayde van Niekerk sembra essere tornato quello dei giorni migliori. Splendida vittoria in 44.08 (stagionale), surclassando il botswano Bayapo Ndori (44.61) e il brasiliano Alison dos Santos (44.73).

800 METRI (FEMMINILE) – La keniana Mary Moraa conferma il pronostico della vigilia e vince in 1:56.85, precedendo l’uganese Halimah Nakaayi (1.57.78) e la giamaicana Natoya Goule-Toppin (1:57.90). La nostra Elena Bellò chiude in nona posizione con lo stagionale di 2:00.61.

400 METRI (FEMMINILE) – La polacca Natalia Kaczmarek si è imposta in 49.48, regolando l’olandese Lieke Klaver (49.81) e la dominicana Marileidy Paulino (50.00).

3000 SIEPI (MASCHILE) – Magistrale assolo del marocchino Soufiane El Bakkali (8:03.16). Il Campione Olimpico ha abbondantemente distanziato i keniani Abraham Kibiwot (8:08.03) e Leonard Bett (8:09.45).

3000 METRI (FEMMINILE) – L’etiope Freweyni Hailu ha vinto in 8:26.61 davanti alla keniana Lilian Rengeruk (8:27.80) e alla connazionale Lemlem Hailu (8:29.43).

SALTO IN ALTO (FEMMINILE) – L’ucraina Iryna Gerashchenko supera 1.98 metri al primo tentativo e vince, mentre l’australiana Nicola Olyslagers e l’altra ucraina Yulia Levchenko sono riuscite nell’intento soltanto al terzo assalto e si sono così dovute accontentare di seconda e terza piazza.

Foto: Lapresse