Seguici su

Senza categoria

Tennis, Matteo Berrettini: “Ho l’obiettivo di tornare in top10 e per farlo devo esprimere il mio 100%”

Pubblicato

il

Matteo Berrettini ha iniziato bene la sua avventura ad Acapulco, in Messico, con la vittoria nel primo turno contro lo slovacco Alex Molcan. Il tennista romano, dopo la cocente sconfitta al quinto set del primo turno degli Australian Open 2023 contro Andy Murray, ha deciso di prendersi un mese di tempo per impostare una vera e propria preparazione che non gli era stato possibile attuare a causa dei problemi fisici sul finire del 2022.

Le ambizioni del romano, sceso sensibilmente in classifica oltre la top-20, sono quelle di tornare tra i primi 10 giocatori del mondo. “La trasferta in Australia è stata buona. Soprattutto in United Cup ho giocato bene: con la squadra abbiamo raggiunto la Finale e ci siamo divertiti molto. Poi agli Australian Open ho giocato una partita molto dura contro Andy Murray, una che rimarrà nella storia, che è durata cinque ore e ho sprecato un match-point. Ho avuto un po’ di problemi a dormire pensandoci, ma questo è il tennis e ho già ricominciato ad allenarmi duramente“, ha raccontato ai microfoni dell’ATP Berrettini, nell’intervista riportata da Sky Sport.

Sfortunatamente alla fine della scorsa stagione non ho potuto fare un’adeguata preparazione per l’anno successivo a causa degli infortuni e perché il piede mi faceva male. Quindi ho deciso di prendermi una pausa per lavorare sul mio corpo che è stato il problema l’anno scorso. Adesso spero di fare un buon torneo ad Acapulco e che anche la mia trasferta negli Stati Uniti sia positiva“, ha sottolineato Matteo.

Ovviamente guardo il ranking, sono stato top-10 per tre anni e non esserlo mi disturba, ma in senso buono perché sento la pressione e ho motivazioni per volerci tornare ed esprimere il mio miglior tennis. Sfortunatamente l’anno scorso ho avuto molti infortuni e non ho giocato molti tornei. Quando sono riuscito a scendere in campo, ho giocato bene, ma non è stato abbastanza per confermare la classifica. Mi sento fiducioso per questo evento in Messico e il resto dell’annata“, la chiusura del romano.

Il programma saranno quindi, dopo Acapulco, di disputare i Masters1000 di Indian Wells e di Miami con il desiderio di competere ai massimi livelli, supportato da una condizione fisica adeguata.

Foto: LiveMedia/Lisa Guglielmi – LivePhotoSport.it