Seguici su

Biathlon

Biathlon, Norvegia vittoriosa nella staffetta maschile a Oestersund. Italia ottava

Pubblicato

il

Tommaso Giacomel

Giornata di staffette sulle nevi di Östersund (Svezia), sede della penultima tappa della Coppa del Mondo di biathlon 2022-2023. Nella Jämtland, dopo la gara femminile, è stata la volta di quella maschile e le assenze importanti in casa norvegese (out i fratelli Boe e Sturla Holm Laegreid) non hanno però portato a un risultato diverso, che nei fatti ha sorriso ai biathleti norsk.

Endre Stroemsheim (0+2), Vebjoern Soerum (0+1), Johannes Dale (0+3) e Vetle Sjaastad Christiansen (0+1) hanno centrato l’obiettivo con il crono di 1:09:12.4, precedendo la Francia (1+8) di 22.5 e la Germania (1+8) di 37.4. Per la compagine norvegese è arrivata la settima affermazione a queste latitudini, tenendo conto anche dell’oro iridato del 2019. A completare il quadro della top-5 sono state Svezia (0+10) e Ucraina (0+4), rispettivamente a 59.8 e a 1:17.2.

Per quanto riguarda l’Italia si è concretizzato un ottavo posto con un po’ di rammarico. Sì, perché Daniele Cappellari si è reso protagonista di una grande frazione di lancio, senza errori al poligono, vicino a primi (quarta posizione). A seguire Didier Bionaz, con le tre ricariche usate, non è stato perfetto, mentre Patrick Braunhofer (0+2) ha tentato di tenere a galla il Bel Paese, ma la velocità sugli sci stretti è mancata.

Conclusione: all’ultimo cambio, ottava posizione a 1:00.8 dalla Norvegia. Si sperava in Tommaso Giacomel, eccezionale interprete dell’Individuale conclusa a Östersund in seconda posizione. Non c’è stata però la necessaria precisione nelle serie di tiro e il suo 2+4 parla chiaro alla fine della fiera. L’Italia quindi ha concluso lontana dalla top-5 (2+9) con un distacco di 2:07.3 dai vincitori. Nell’ambito della classifica per nazioni, a una gara dalla conclusione, Norvegia padrona con 8559 punti a precedere Francia (7951), Germania (7395), Svezia (7060) e Svizzera (6026). Azzurri ottavi con 5888 punti.

Foto: LaPresse