Seguici su

Senza categoria

United Cup 2023, Italia-Norvegia 3-0: Matteo Berrettini sontuoso! Ruud ko, c’è il pass per il playoff “cittadino”

Pubblicato

il

Matteo Berrettini

Lo aveva detto in sede di presentazione Vincenzo Santopadre: “Mi aspetto un Berrettini che lotti su ogni palla“. È stato accontentato il tecnico italiano, guida di questa spedizione tricolore per la United Cup, competizione tennistica per nazioni a squadre miste. Matteo Berrettini (n.16 del ranking) ha sconfitto per 6-4 6-4 il norvegese Casper Ruud (n.3 ATP) e regalato il punto decisivo per la qualificazione alla “city final” agli azzurri, che già avevano vinto i primi due singolari di questa sfida tra Italia e Norvegia nella giornata di ieri. Il nome dell’avversaria verrà fuori dall’incontro tra Svizzera e Polonia.

Una prestazione strepitosa di Matteo che ha saputo sfruttare al meglio le proprie armi, mettendo in mostra anche una prova in risposta decisamente convincente contro un giocatore che lo aveva nettamente sconfitto nei quarti di finale degli US Open 2022. Un ottimo segnale in vista degli imminenti Australian Open, ma soprattutto per il Bel Paese in questa manifestazione. Ora spetterà a Lucia Bronzetti (n.54 del ranking) affrontare Ulrikke Eikeri (n.388 del mondo) e poi al doppio misto. Si punterà al 5-0 per avere anche dei vantaggi nella prosecuzione del percorso.

Nel primo set l’inizio è all’insegna del servizio. Entrambi i tennisti raccolgono molto con questo fondamentale, con Berrettini che in particolare fatica a trovare il campo in risposta. Nel sesto gioco il primo momento importante quando il romano va sotto 15-40 per via di qualche errore di troppo con i colpi al rimbalzo. Interviene “San Servizio” anche in questo caso a togliere le castagne dal fuoco. Un passaggio decisivo dal momento che Matteo è abilissimo ad attaccare il suo avversario nel nono game, mettendolo molto sotto pressione con il suo dritto in risposta. A zero Ruud concede il break e sempre a zero, con una serie di ace, l’azzurro archivia la pratica nel suo turno in battuta sul 6-4.

Nel secondo set il nostro portacolori fa letteralmente esplodere la palla con il suo dritto. Un Berrettini lucidissimo e molto centrato interpreta alla perfezione la varie fasi dello scambio, andando a prendersi il break con colpi di una violenza inaudita e precisi, come uno splendido rovescio lungolinea. Mettendo in mostra un tennis che non gli vedevamo da un po’, il 6-4 sancisce la chiusura della sfida.

Leggendo le statistiche, eccellente la prestazione al servizio di Matteo (10 ace), con il 67% di prime in campo da cui ha raccolto l’88% dei punti. Eccezionale, però, anche la resa in risposta con il 64% dei quindici conquistati rispetto alla seconda in battuta di Ruud.

Foto: LaPresse