Seguici su

Basket

Basket, Eurolega: l’Olimpia Milano a Belgrado per riprendere la corsa

Pubblicato

il

Terzo turno di Eurolega in programma domani, martedì 18 ottobre, e primo appuntamento doppio in settimana per il torneo continentale. E l’EA7 Emporio Armani Milano andrà in scena a Belgrado contro il Partizan in una sfida non certo facile e che avrà tante insidie per una squadra chiamata a vincere e convincere.

L’Olimpia Milano è ancora un cantiere ed Ettore Messina sta ancora cercando la quadra in una squadra molto cambiata rispetto all’anno scorso, cui si aggiungono un paio di infortuni che non permettono al tecnico di avere la rosa ideale a disposizione. La sconfitta con l’Alba Berlino ha fatto male, mentre i dubbi restano dopo la vittoria allo scadere ottenuta in casa contro Brindisi questo fine settimana.

Il Partizan Belgrado arriva all’appuntamento dopo due sconfitte, ottenute entrambe fuori casa contro la stessa Alba Berlino e contro il Baskonia, e nel primo appuntamento casalingo cerca anche la prima vittoria. E gli occhi saranno puntati soprattutto su due ex, che rischiano di fare male a Milano. Zach Leday e Kevin Punter, infatti, hanno fatto faville sino a ora, cui si aggiunge anche un’altra vecchia conoscenza meneghina, James Nunnally, mentre altri giocatori potenzialmente letali sono Dante Exum e Mathias Lessort.

Ginnastica artistica, l’Italia si gode l’abbondanza maschile: chi va ai Mondiali? Raffica di specialisti e tanti dubbi

In casa Milano, invece, Messina si affida alla concretezza di Nicolò Melli, alla velocità di Shavon Shields, mentre dovranno essere più costanti le stelle Kevin Pangos e Billy Baron, che sino a ora hanno mostrato solo sprazzi delle loro qualità. Con Johannes Voigtmann in crescita, Devon Hall che ha salvato la situazione con Brindisi, a confermarsi dovrà essere Deshaun Thomas, che dopo la pessima prestazione con Berlino ha finalmente ritrovato se stesso contro i pugliesi. Vincere non è d’obbligo, ma per l’Olimpia è fondamentale per non iniziare ad avere troppi dubbi nella testa.

Credits: Ciamillo