Seguici su

Calcio

Calcio femminile: Sara Gama sul passaggio al professionismo: “Avremo l’opportunità di lanciare definitivamente il nostro sport”

Pubblicato

il

Tutti in piedi per Sara Gama. La capitana della Juventus e della Nazionale è la sesta giocatrice ad entrare nella Hall of fame del calcio italiano dopo Carolina Morace, Patrizia Panico, Melania Gabbiadini, Elisabetta Vignotto e Milena Bartolini. Il riconoscimento, assegnato due anni fa, stando a quanto riporta l’agenzia ANSA verrà consegnato a fine mese insieme a quello di Barbara Bonansea, entrata anche lei nell’élite pochi mesi fa.

“Sono orgogliosa, significa che ho fatto delle cose buone e mi piace pensare di averle fatte sia dentro che fuori dal campo, dando il mio contributo alla crescita del nostro sport – ha detto Gama a proposito del premio in una dichiarazione rilasciata sempre ad ANSA – Non mi spaventa avere delle responsabilità, l’ho sempre considerato un grande onore“.

Il difensore bianconero ha quindi commentato il prossimo impegno in maglia azzurra, quello della rassegna continentale: “Vogliamo dimostrare la nostra forza all’Europeo e poi a settembre andare a prenderci la qualificazione mondiale. Ci meritiamo questi palcoscenici“.

Villareal-Liverpool oggi: orario, canale tv, programma in chiaro, probabili formazioni, streaming Champions League

In ultimo Sara Gama ha parlato con soddisfazione del recentissimo passaggio al professionismo, battaglia da lei condotta in prima persona negli ultimi anni: “Le calciatrici che giocano e quelle che giocheranno potranno contare su tutele riconosciute, come l’assicurazione e la pensione, è questo il motore che ci ha spinto a lottare per ottenere quello che ci spettava. Dall’altra avremo l’opportunità di lanciare definitivamente questa disciplina, che è una parte del sistema calcio con enormi potenzialità non ancora sfruttate, investendo per poter competere ai massimi livelli e puntare alla vittoria. Entrambi gli aspetti hanno un valore enorme e favoriranno lo sviluppo del nostro sport, che andrà a beneficio di tutti, non solo delle atlete. Professionismo vuol dire questo“.

Foto: LaPresse