Seguici su

Formula 1

F1, attesa sullo sviluppo dell’inchiesta FIA sul Mondiale 2021

Pubblicato

il

Una notizia importante alcuni giorni fa ha scosso il mondo della F1. La Federazione Internazionale dell’Automobile ha annunciato d’aver avviato l’indagine sugli episodi dell’ultimo GP del campionato 2021 ad Abu Dhabi, in cui l’olandese Max Verstappen (Red Bull) si è imposto davanti al britannico Lewis Hamilton (Mercedes).

Nel mese di febbraio è previsto un confronto con i piloti e il 18 marzo ci sarà la comunicazione ufficiale delle decisioni e delle eventuali modifiche al regolamento. Era stato comunicato a metà dicembre dal Consiglio Mondiale la creazione di una Commissione speciale per andare ad analizzare le situazioni che si erano verificate sul circuito di Yas Marina. In particolare, ci si riferisce alla gestione della Safety Car e alla procedura di ripartenza.

I passaggi sono spiegati nella nota della FIA guidata dal nuovo presidente Mohammed Ben Sulayem: “Il 19 gennaio la Sporting Advisory Committee affronterà il tema della Safety Car con tutti i piloti; a febbraio la F1 Commission porterà un’analisi dettagliata dell’incontro; il 18 marzo (ossia nel primo weekend della nuova stagione) la Federazione comunicherà al Consiglio Mondiale in programma in Bahrain le decisioni prese e le eventuali modifiche al regolamento“.

F1, indagine FIA sul finale del Mondiale 2021 ad Abu Dhabi: il 18 marzo comunicate le decisioni

Da questo punto di vista non mancano le attese rispetto a quanto emergerà dagli incontri. I protagonisti della vicenda non hanno anticipato niente e dall’ambiente Mercedes, in particolare, non trapela nulla. La tensione resta alta dal momento che le decisioni che verranno prese andranno anche a influenzare il Mondiale 2022 in fatto di regolamenti. Non resta che mettersi comodi e attendere.

Foto: LaPresse