Volley, Europei 2021: la Polonia conquista il bronzo, Leon e Kurek regolano la Serbia 3-0. Stasera Italia-Slovenia

La Polonia ha conquistato la medaglia di bronzo agli Europei 2021 di volley maschile. I Campioni del Mondo hanno sconfitto la Serbia per 3-0 (25-22; 25-16; 25-22) nella finalina per il terzo posto tra le due grandi deluse di questa competizione (insieme alla Francia, eliminata agli ottavi di finale da Campionessa Olimpica), riuscendo quantomeno a salire sul podio di fronte al proprio pubblico di Katowice. La Spodek Arena si aspettava di gustare le gesta dei biancorossi nell’atto conclusivo per il titolo e invece, dopo il ko di ieri per 3-1 contro la Slovenia, si è dovuto accontentare di sostenere gli uomini di coach Vital Heynen nel match di consolazione.

I padroni di casa saliranno sul terzo gradino del podio, accanto a Italia e Slovenia (finale in programma alle ore 20.30): si tratta del quarto bronzo della storia dopo quelli del 1967, 2011 e 2019. Non è stata un grande annata per la Polonia, eliminata ai quarti di finale delle Olimpiadi di Tokyo 2020 e non in grado di conquistare il secondo Europeo della sua storia, tra l’altro in casa. La Serbia, Campionessa d’Europa in carica, non si era qualificata ai Giochi e aveva puntato tutto sulla rassegna continentale, ma torna a casa a mani vuote.

La partita non ha avuto storia: i polacchi hanno preso in mano le redini del gioco fin dalle prime battute dei tre set e rapidamente hanno creato un margine confortante, impedendo ai poco motivati slavi di rientrare (c’è stata un po’ di battaglia soltanto nel terzo parziale, dove gli uomini di Boban Kovac hanno provato a risalire da 11-14).

A mettersi in luce sono stati lo schiacciatore Wilfredo Leon (14 punti, 3 muri) e l’opposto Bartosz Kurek (11 punti), da segnalare i 9 sigilli del centrale Jakub Kochanowski affiancato da Piotr Nowakowski (7) e Mateusz Bieniek (2), 4 punti per l’altro martello Michal Kubiak, Fabian Drzyzga in cabina di regia. Alla Serbia non sono bastati l’opposto Aleksandar Atanasijevic (9 punti), gli schiacciatori Marko Ivovic (10) e Uros Kovacevic (6), il centrale Marko Podrascanin (5).

Foto: CEV

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

MotoGP, Andrea Dovizioso: “Ho acquisito le informazioni che volevo, ora dobbiamo rielaborare”

Mondiali ciclismo, Wout Van Aert: “Sono deluso, ma posso prendermela solo con me stesso”