Stefano Mei: “Sicuro del successo della 4×100, vedo Tortu sui 200. 7 milioni di contributi? Ora vinciamo, cifra da rivedere”

L’Italia dell’atletica leggera ha vissuto delle Olimpiadi semplicemente trionfali: 5 medaglie d’oro (in passato ci si era fermati massimo a 3), successi incredibili nei 100 metri e con la 4×100, un movimento esploso nell’evento sportivo più importante dell’ultimo lustro. Stefano Mei, Presidente della Fidal, ha analizzato i risultati ottenuti a Tokyo 2020 in un’intervista rilasciata al Corriere dello Sport: “Non avrei mai potuto immaginare che i nostri ragazzi avrebbero riscritto la storia dello sport italiano. La svolta in quei dieci minuti del 1° agosto con le due strepitose vittorie di Tamberi e Jacobs. Hanno dato impulso a tutta la squadra“.

L’ex Campione d’Europa dei 10000 metri confessa di essere intervenuto in una scelta tecnica ai Giochi: “L’ho fatto solo una volta per la 4×100. La sera prima ero in camera con Antonio La Torre: ho chiesto che la staffetta corresse la semifinale senza rischiare nei cambi, perché poi avremmo vinto noi. Il successo di Jacobs ha spinto Tortu a mettersi alle spalle tutte le sfighe degli ultimi tempi, Covid compreso. Sono stato atleta anch’io e capisco quando all’improvviso diventi il numero 2, ma Filippo ha tante qualità morali e un rapporto fantastico col papà. Non sono un tecnico, ma a Parigi 2024 lo vedo sui 200“.

Stefano Mei è alla guida della Fidal da appena sei mesi ed è consapevole che i risultati ottenuti non sono soltanto merito suo: “So troppo bene che questi risultati sono il frutto del lavoro degli ultimi due anni, ma rivendico di aver portato serenità e sorrisi. Armonia è la parola chiave.

Naturalmente si deve già pensare al futuro e il numero 1 dell’atletica tricolore ha già un suo piano: “La scaletta delle cose da fare è semplice: primo sfruttare questi successi facendo promozione verso i giovani; secondo mettere nelle migliori condizioni non solo i medagliati e i finalisti, ma tutti quelli sui quali puntare fino a Parigi 2024 e oltre, anche chi per un motivo o l’altro non è andato a Tokyo. Incontrerò La Torre per impostare il lavoro dei prossimi tre anni, investendo sui tecnici, dalle periferie al centro. Non voglio importare allenatori dall’estero, ma mettere i nostri in condizione di crescere professionalmente. Dobbiamo allargare la base degli allenatori e frenare la fuga verso sport più remunerativi, tipo volley e calcio“.

Per realizzare certi progetti avranno un’importanza capitale i soldi e i contribuiti da Sport e Salute. Si parla di 7 milioni di euro, ma Stefano Mei chiarisce subito: “Queste erano cifre riconosciute quando vincevamo zero medaglie. Ora mi aspetto che vengano ampiamente riviste“.

Foto: Fidal

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

MotoGP, Alex Rins: “Frustrante non entrare in Q2 per un millesimo. Domani spero nella top5”

MotoGP, Joan Mir: “Oggi le temperature elevate non mi hanno favorito, pensavo di fare meglio…”