Equitazione, Olimpiadi Tokyo: i favoriti gara per gara di salto, completo e dressage

Le Olimpiadi di Tokyo sono ormai partite, nonostante la cerimonia di apertura sia fissata per venerdì e tra gli sport coinvolti figura l’equitazione, presente nel programma a cinque cerchi sin dall’edizione di Parigi 1900. Sei gli ori da assegnare, di cui tre individuali nelle competizioni di salto ostacoli, dressage e completo, con tanti campioni a darsi battaglia in territorio giapponese. Andiamo dunque ad analizzare nel dettaglio tutti i favoriti per ogni singola gara.

SALTO OSTACOLI

Probabilmente la competizione più aperta. Bisognerà fare attenzione soprattutto agli svizzeri Martin Fuchs e Steve Guerdat, due dei più vincenti nell’ultimo quinquennio, mentre gli Stati Uniti possono contare su possibili outsider come Jessica Springsteen e Laura Kraut, non nuove ad exploit di questo tipo. Le speranze della Svezia saranno invece tutte su Peder Fredricson, argento a Rio 2016, senza dimenticare il belga Jerome Guery, l’olandese Maikel van der Vleuten, l’irlandese Darragh Kenny ed il tedesco Daniel Deusser, primo nel ranking mondiale. In un discorso così ampio c’è sicuramente spazio per altri nomi, dove dovrebbe inserirsi l’azzurro Emanuele Gaudiano, unico italiano in gara.

DRESSAGE 

Qui la medaglia d’oro sembra avere un nome ed un cognome, ovvero quelli della tedesca Isabell Werth, praticamente imbattibile negli ultimi quattro anni e capace di conquistare già dieci podi olimpici da Barcellona 1992, per una carriera leggendaria. La Germania si presenta a Tokyo con una vera e propria corazzata, che include anche Dorothee Schneider e Jessica von Bredow-Werndl, entrambe con ambizioni di podio. Da sottovalutare anche la britannica Charlotte Dujardin e la danese Cathrine Dufour.

COMPLETO

Si prospetta una nuova vittoria per la Germania, con i teutonici che saranno guidati da Michael Jung, vincitore sia a Rio 2016 sia a Londra 2012, con il principale rivale che sembra essere il britannico Oliver Townend, primo nel ranking mondiale, mentre Jonelle Price cercherà di accaparrarsi una medaglia in favore della Nuova Zelanda.

Foto: Claudio Bosco

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Ginnastica, Olimpiadi Tokyo. Enrico Casella: “Ottima figura in prova podio. Piccoli acciacchi per Mori e Maggio”

Cerimonia d’apertura Olimpiadi Tokyo, l’ordine di sfilata delle Nazioni e quando tocca all’Italia